La Basilicata non vuole perdere il diritto di decidere sulle estrazioni

231

«Mezzo secolo per riavere l’acqua, due mesi per dire addio al petrolio». «Regolare con legge regionale le procedure per l’estrazione di idrocarburi»

«I lucani ricordano ancora ?la guerra dell’acqua?: una definizione adottata per significare il percorso difficile e le resistenze incontrate per giungere al governo autonomo delle risorse idriche della Basilicata, fino al 2003 paradossalmente in mano alle amministrazioni pugliesi. Questo risultato fu, giustamente, salutato come un traguardo storico, una svolta epocale. In Parlamento, in questi giorni, è in dirittura d’arrivo un disegno di legge che, se approvato, condannerebbe la nostra regione a pagare i costi ambientali e sociali dovuti alle estrazioni petrolifere escludendo la comunità locale dai benefici economici che ne derivano». Lo afferma in un comunicato l’assessore all’Ambiente e Territorio