Gargano – Come ti distruggo un Parco

551
Tempo di lettura: < 1 minuto

Le coste del Gargano, già in parte compromesse nel corso degli anni passati, stanno per conoscere una seconda, gigantesca, colata di cemento. In discussione, cioè cantierabili a breve, ci sono circa cinque milioni di metri cubi di cemento solo di opere turistiche private

La tutela ambientale assomiglia sempre più ad una tela di Penelope: ci sono forze che costruiscono e forze che disfano. L’Italia non fa eccezione in nessuna delle sue regioni. Le associazioni ambientaliste si sono sempre battute nel segnalare e nell’opporsi. Ultimo, in ordine di tempo, è il dossier che ha preparato Legambiente sul Gargano. Una delle più belle e ricche aree naturali per biodiversità e paesaggio, storia e tradizioni.
Ma l’impegno degli amministratori del Parco non riesce ad arginare sempre le tante situazioni ereditate e nuove.
Così, mentre la zona delle Pietre Nere, un’emergenza geologica che testimonia il passato del