Sette consigli per affrontare la montagna

72

Sull’episodio del bombardamento del porto di Bari del 2 dicembre 1943, un giovane storico americano, Curtis B. Maynard, ci ha inviato i primi capitoli di una sua recente ricerca tendente ad approfondire gli aspetti militari della segretezza e delle guerre chimiche in generale

Il tratto di mare del basso Adriatico, fra la Puglia e l’Albania, la Croazia e il Montenegro, rappresenta un’area ad alto tasso d’inquinamento di prodotti chimici ad… orologeria. Si tratta delle conseguenze del bombardamento del 2 dicembre 1943 da parte dell’aviazione tedesca contro diciassette navi americane che erano ancorate nel porto di Bari. Fra queste c’era la «John Harvey» che conteneva bombe all’iprite. Il disastro fu grande, con oltre un migliaio di morti e un numero imprecisato di feriti se si vogliono considerare i danni che nel tempo ha prodotto questo prodotto chimico.
La situazione è lontana dal considerarsi risolta