I sessant’anni dell’Unesco

349

La data ricorda la conclusione di un processo iniziato mentre il conflitto mondiale dispiegava tutta la sua violenza. Il punto di partenza di questo percorso si colloca, infatti, nel 1942, nel pieno della seconda Guerra mondiale, quando si svolse nel Regno Unito, su iniziativa del ministro britannico dell’educazione, Butler, la Conferenza dei Ministri Alleati dell’Educazione

Oggi, 16 novembre, si celebra in tutto il mondo il 60° anniversario della costituzione dell’Unesco, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza, la Cultura e la Comunicazione.
La data ricorda la conclusione di un processo iniziato mentre il conflitto mondiale dispiegava tutta la sua violenza. Il punto di partenza di questo percorso si colloca, infatti, nel 1942, nel pieno della seconda Guerra mondiale, quando si svolse nel Regno Unito, su iniziativa del ministro britannico dell’educazione, Butler, la Conferenza dei Ministri Alleati dell’Educazione (Came: Conference of Allied Ministers of Education) con l’obiettivo di individuare le vie da seguire per ricostruire,