Ma l’acqua ha una memoria?

316

Jacques Benveniste: Il fatto che le molecole possano interagire dando luogo a un meccanismo che consente all’acqua di avere una memoria, non ha nulla di sorprendente- Un acceso dibattito

Inizierà alle 14 di venerdì ventuno aprile presso il Dipartimento di Chimica della Sapienza di Roma la tre giorni di Coherence2006. La prima giornata sarà dedicata al ciclo e alla chimico-fisica dell’acqua che come ha scritto Brian Josephson, va oltre la visione di «…un liquido composto di molecole di H20 più o meno isolate, in movimento. In realtà – scrive Josephson nella presentazione al libro postumo di Jacques Benveniste di prossima uscita in Italia per Macroedizioni – l’acqua è un fenomeno di gran lunga più complesso, con molecole singole che si raggruppano temporaneamente a formare una struttura reticolare.