In piazza per chiedere un nuovo piano trasporti

34

L’iniziativa è promossa da: No Ponte, No Mose, No Tav, Coordinamento comuni Val di Susa, Conferenza Permanente dei Sindaci della tratta ad AV Verona-Padova. Le prime adesioni di: Wwf, Legambiente, Italia Nostra, Campagna Sbilanciamoci, Rete del Nuovo Municipio, Fiom, Carta cantieri sociali, il Manifesto

Sindaci, associazioni, esponenti di partito, movimenti e comitati in piazza per chiedere un nuovo piano dei trasporti e delle mobilità e il superamento quindi della legge obiettivo. In un comunicato così, le associazioni promotrici, spiegano le ragioni dell’iniziativa.

«Dal Nord al Sud le grandi opere, di cui il Paese ha bisogno, devono servire a: trasferire le merci dalla strada alla ferrovia e alle navi; creare una rete logistica intermodale; realizzare politiche per la mobilità urbana; razionalizzare i sistemi idrici; prevenire e contrastare il dissesto idrogeologico; risanare e riqualificare i beni culturali, artistici e archeologici; tutelare, valorizzare e promuovere il