Una giornata internazionale per ricordare che esiste la povertà

118

Il Piano prevede una riduzione di 24 milioni di tonnellate di CO2 assegnate, passando così dalle 224 annue del periodo 2005-2007 alle 200 annue per il periodo 2008-2012

Dopo due mesi di trattative e il giorno dopo in cui l’Unione europea aveva aperto una procedura d’infrazione per i ritardi nella presentazione del piano di Kyoto per il taglio della CO2, l’Italia finalmente lo approva grazie ad un accordo tra il ministero dell’Ambiente e quello dello Sviluppo economico.
Nel Piano nazionale di assegnazione delle quote di CO2 alle imprese industriali italiane per il periodo 2008-2012 è previsto un taglio di 24 milioni di tonnellate di CO2.
Il Piano consentirà, sottolinea una nota del ministero dell’Ambiente, nello stesso tempo, di rispettare gli obblighi previsti dalla direttiva 2003/87/CE, Emissions