Ora c’è più acqua nelle dighe lucane ma non bisogna sprecarla

189

Proprio grazie alle politiche messe in campo ci sono buone premesse per poter soddisfare la domanda del 2007 per l’uso potabile, agricolo ed industriale e per continuare a sviluppare l’azione di prevenzione avviata in passato

Le piogge di queste ultime settimane hanno fatto registrare un sensibile aumento dei volumi idrici invasati nelle dighe. In particolare in quest’ultimo mese i due più grandi invasi lucani (Monte Cotugno e Pertusillo) hanno incrementato le proprie risorse di circa 30 milioni di metri cubi d’acqua. Attualmente l’invaso di Monte Cotugno presenta una disponibilità idrica netta di 273.220 milioni di metri cubi, l’invaso del Pertusillo di 73.250 milioni di mc., l’invaso di Camastra di 20.854 milioni di mc. e l’invaso di S. Giuliano di 70.927 milioni di mc.
I dati sono stati forniti dal Segretario Generale dell’Autorità di Bacino della