Riecco la Lontra

88

Un’importante ricerca svela la presenza della lontra, il più raro e schivo tra i mammiferi, nel fiume Sangro in Abruzzo. Da oltre 15 anni non se ne vedeva traccia. Fondamentale ora avviare un monitoraggio della lontra a livello nazionale e promuovere la tutela dei siti di presenza

La notizia della presenza della lontra allo stato libero nell’Oasi Wwf delle Cascate del Rio Verde (un affluente del fiume Sangro), Comune di Borrello (Chieti), l’area protetta con le più alte cascate naturali dell’Appennino, è il miglior pretesto per festeggiare l’8 marzo in casa Wwf. Scomparsa totalmente nell’Italia centro-settentrionale, la lontra è considerata dai naturalisti la «regina dei fiumi» in quanto al vertice della catena alimentare degli ambienti fluviali. Questa specie sopravvive nei pochi ambienti naturali rimasti integri dell’Italia centro-meridionale con il cuore nei bacini campano-lucani.
Della lontra si conoscono ancora poco le abitudini e la