L’Arpa Sardegna chiama ed accoglie l’Arpa Toscana

40

I tecnici dell’Arpa Toscana hanno tenuto un corso sulla misura dei campi elettromagnetici, organizzato dal Presidio Multizonale di Prevenzione di Cagliari per conto dell’Arpa Sardegna nell’ambito delle attività previste dalla L. 93/01

Armati di strumenti a banda larga, analizzatori di spettro, analizzatori di codici per le misure Umts, il tutto caricato su un laboratorio mobile schermato, i colleghi del Dipartimento di Pisa (Andrea Barellini) e del Settore Tecnico Promozione e Produzione della sede centrale (Gaetano Licitra, Diego Palazzuoli e Andrea Pinzauti) hanno tenuto un corso sulla misura dei campi elettromagnetici, organizzato dal Presidio Multizonale di Prevenzione di Cagliari per conto dell’Arpa Sardegna nell’ambito delle attività previste dalla L. 93/01. Tale norma ha consentito alle agenzie per l’ambiente receptor del meridione d’Italia di usufruire delle conoscenze ed esperienze di Agenzie donor, che stanno in questi mesi, nei vari settori del controllo dell’aria, dell’acqua, dei rifiuti e dei campi elettromagnetici, fornendo loro il proprio supporto tecnico scientifico.
La logica dei progetti della L 93/01 è quella di affiancare a momenti di formazione presso le agenzie receptor, stage di operatori delle stesse agenzie presso quelle donor e di sviluppare temi di ricerca e di studio per l’omogeneizzazione delle procedure di controllo e di analisi, ai fini di una crescita complessiva della rete agenziale. In questo contesto si colloca il corso teorico-pratico di tre giorni che si è tenuto presso la struttura moderna e funzionale del Presidio Multizonale di Prevenzione di Sassari diretta dal Dr. Giuseppe De Luca, che segue quello svolto in luglio dall’Arpa Toscana a Caltanissetta per i colleghi dell’Arpa Sicilia. Oltre venti operatori provenienti dai Presidi di Cagliari, Portoscuso, Oristano e Sassari vi hanno partecipato con ampia soddisfazione dei discenti, che hanno potuto seguire in aula, ma anche sperimentare sul campo, le tecniche sofisticate ed innovative di controllo dei campi elettromagnetici, e dei docenti, che hanno potuto godere della proverbiale ospitalità sarda e delle bellezze di quella splendida terra. Al termine del corso, si è svolto un case study per la valutazione di un sito complesso occupato da numerose stazioni radio base nel centro di Sassari, che non pochi allarmi ha destato nella popolazione, la quale da anni attendeva un controllo specialistico con analisi in banda stretta e, quindi, in grado di identificare le frequenze dei singoli impianti e valutare i relativi contributi ai livelli complessivi misurati. Dopo la formazione e con la ulteriore strumentazione in corso di acquisizione con i fondi della legge 93/01, i colleghi dell’Arpa Sardegna saranno in grado di operare in maniera ancora più adeguata e autonoma, seguendo procedure definite a livello nazionale, dando così concretezza e operatività agli obiettivi della legge.
La rotta è tracciata…, nuove e proficue occasioni si stanno definendo per la collaborazione tra due Agenzie, divise dal mare, ma che certamente sono unite negli obiettivi e nel desiderio di lavorare insieme per un sistema efficace di controllo a rete dell’ambiente.

(Fonte Arpa Toscana)