Lo stato dell’ambiente della Comunità montana della montagna fiorentina

88

Un progetto per valorizzare e qualificare una zona di alto valore paesaggistico e ambientale

La Comunità Montana della Montagna Fiorentina si estende nella parte più meridionale della vallata del fiume Sieve e parzialmente nel Valdarno superiore e comprende i territori dei comuni di Pontassieve, Pelago, Rufina, Reggello, Dicomano, Londa, e San Godenzo. Si tratta di una zona di valore sia paesaggistico sia ambientale con una connotazione di tipo montano e con un utilizzo del territorio prevalentemente agricolo.
La Comunità della Montagna Fiorentina, condividendo i principi dello sviluppo sostenibile, ha avviato un proprio processo di Agenda 21 con il progetto Palma (Progetto Agenda 21 Locale Montagna Fiorentina) che ha ottenuto il finanziamento della Regione Toscana. Arpat ha aderito, in qualità di partner, al progetto Palma insieme alla Provincia di Firenze, la Facoltà di Agraria dell’Università di Firenze, l’Istituto superiore E. Balducci di Pontassieve, l’Aer e l’amministrazione della riserva biogenetica di Vallombrosa.

I lavori del progetto Palma hanno preso avvio nel maggio 2005, articolandosi in diverse attività: la promozione territoriale, la comunicazione ambientale, la sensibilizzazione dei cittadini e la partecipazione attiva della cittadinanza attraverso l’esperienza dei forum. Una delle tappe fondamentali dell’esperienza di Agenda 21 della Comunità Montana è stata la relazione sullo stato dell’ambiente, che fornisce ai cittadini della comunità locale la fotografia del loro territorio, mettendo in evidenza gli aspetti ambientali, sociali e culturali più rilevanti e consentendo di evidenziare i punti di forza, ma anche gli elementi di criticità della Montagna Fiorentina. Con la redazione della Relazione sullo stato dell’ambiente e attraverso l’attivazione del Forum di Agenda 21, la Comunità Montana della Montagna Fiorentina si pone i seguenti obiettivi:
– proseguire il cammino verso la sostenibilità, definendo gli obiettivi a lungo, medio e breve termine per la sostenibilità locale
– creare i presupposti per la redazione di un piano di azione locale (Pal) partecipato tra amministrazione, Forum e cittadini e compatibile con gli strumenti strategici di pianificazione e programmazione dell’ente.

Nella redazione dello stato dell’ambiente la Comunità Montana ha tenuto conto non solo dei dati statistici ed ambientali riferiti al territorio indagato, ma anche della percezione che la popolazione, che vive e lavora nel territorio, ha dello stato dell’ambiente. Percezione che si è venuta delineando attraverso i questionari somministrati ai cittadini ed alle cittadine, i cui risultati sono stati oggetto di un’Arpatnews dell’aprile dell’anno scorso. L’Amministrazione insieme al Forum cittadino di Agenda 21, istituito nel novembre 2005, ha definito la struttura ed il contenuto del documento, individuando tre tematiche ritenute di rilievo in relazione alla tipicità del territorio e all’attuale modello si sviluppo.
Le tematiche su cui si incentra la relazione sullo stato dell’ambiente della Montagna Fiorentina sono:
– ambiente naturale come tutela della qualità dell’ambiente: tutela del patrimonio naturalistico, dell’acqua, dei rifiuti, dell’aria, dell’energia e dell’inquinamento acustico;
– ambiente naturale come sviluppo locale incentrato sul rapporto tra le attività produttive e l’ambiente: valorizzazione dei prodotti tipici, agricoltura, zootecnia, artigianato, mobilità, turismo;
– cultura e educazione: istituzione scolastiche, educazione ambientale, servizi bibliotecari. Per quanto attiene al primo tema, qualità dell’ambiente, sono stati raccolti, anche grazie al contributo di Arpat, i dati relativi alla qualità dell’aria, dell’acqua, i dati inerenti il rumore, quelli sui rifiuti e la raccolta differenziata, il numero di siti da bonificare, le aree protette presenti sul territorio, ecc. Dall’analisi e dall’elaborazione di questi dati è emerso che sono da ritenersi punti di forza:
? l’estensione della superficie di aree protette presenti nel territorio della Comunità montana locale, (il 74% della superficie di area protetta della provincia di Firenze ricade nel territorio della comunità montana della Montagna Fiorentina)
? l’incremento della raccolta differenziata
? la sensibilità delle amministrazioni locali verso le forme di energia rinnovabile e la bioarchitettura. I partecipanti al Forum hanno espresso soddisfazione anche rispetto ai controllo effettuati da Arpat sulla qualità dell’aria e dell’acque superficiali.

Tra le tematiche che hanno interessato il Forum ricordiamo l’utilizzo delle energie rinnovabili, la bioarchitettura e la bioedilizia, per l’implementazione delle quali è stato chiesto un maggiore impegno alle istituzioni locali del territorio. Forti critiche sono, invece, state sollevate alla campagna di informazione relativa al termovalorizzatore.
Per quanto invece attiene alla seconda parte della relazione sullo stato dell’ambiente, ovvero quella inerente le attività produttive e l’ ambiente, sono stati analizzati dal Forum i dati e le informazioni relative all’agricoltura, alla zootecnia e ai prodotti tipici.
Il Forum ha evidenziato come elementi di forza:
– la valorizzazione dei prodotti locali attraverso specifici progetti di promozione
– l’aumento dei produttori biologici.

Infine, con riferimento al tema della cultura e dell’educazione, è considerato un punto di forza quello riguardante l’educazione ambientale, non solo rivolta alla popolazione scolastica ma anche agli adulti. I partecipanti al Forum ritengono che dovrebbe aumentare l’offerta di educazione ambientale con particolare riferimento all’educazione alla sostenibilità, alla cittadinanza attiva ed alla partecipazione democratica. A tale proposito ricordiamo che la Comunità Montana della Montagna Fiorentina ha dato molta rilevanza all’educazione ambientale degli adulti, elaborando il progetto «Montagne di risorse ?Comunità di luoghi» finanziato dal Bando Infea 2005 della Provincia di Firenze.
I principali contenuti del progetto sono:
? la conoscenza del territorio, dell’ambiente, e delle sue risorse,
? la sensibilizzazione ai concetti quali la tutela ambientale e la sostenibilità,
? il territorio come laboratorio di educazione ambientale

gli argomenti sopramenzionati si sviluppano attraverso tre percorsi educativi:
? energie e risorse rinnovabili
? politiche agricole sostenibili
? buone pratiche e stili di vita.

Il calendario delle iniziative si presenta ricco di eventi ed iniziative (escursioni, visite guidate, incontri serali ed esperienze didattiche), visionabili nel sito della Comunità Montana della Montagna Fiorentina. (SC)

(Fonte Arpat)