«Monitoraggio della qualità dell’acqua potabile in Polonia»

110

Il progetto, coordinato dall’Arpa Veneto insieme ad altri Enti regionali, consentirà alla Polonia di adeguarsi alla normativa europea relativa al controllo delle acque potabili, passo importante per l’ingresso in Europa

L’Arpa Veneto aiuterà la Polonia ad entrare in Europa. Lo ha stabilito il Ministero dell’Ambiente affidando all’Osservatorio Regionale delle acque dell’Agenzia Regionale del Veneto, il coordinamento del progetto europeo «Monitoraggio della qualità dell’acqua potabile in Polonia».
Tra i partner coinvolti l’Apat, l’Arpa Piemonte, Emilia Romagna, la Provincia di Potenza e l’acquedotto pugliese. Il progetto, che avrà la durata di una anno, consentirà alla Polonia di adeguarsi alla normativa europea relativa al controllo delle acque potabili, passo importante per l’ingresso in Europa.
Beneficiario principale è l’ispettorato sanitario nazionale (GIS), braccio operativo del Ministero della Sanità da cui dipendono le strutture dei Voivodati e dei Poviat. Queste strutture, che si occupano del controllo ufficiale delle acque potabili prodotte e distribuite, sono articolate in 249 laboratori, ma saranno ben presto ridotti a circa 116. Alcuni fondi saranno destinati anche all’Istituto Nazionale di Igiene.