Mito, un festival tutto verde

332

Torna l’appuntamento di Settembre con musica dal 3 al 24 con un occhio particolarmente di riguardo per l’ambiente

Al rientro dalle vacanze estive arriva puntuale Mito, il festival della musica d’arte che fa vibrare le città di Milano e Torino. Oltre 200 i concerti in programma, senza contare le iniziative fuori cartellone che porteranno la musica nei parchi, nelle metropolitane e nelle stazioni.

Tante le novità di questa terza edizione, come la Mito web tv che trasmetterà i momenti più significativi del festival o il programma Mito Educational, appuntamenti con i giovani per imparare ad ascoltare la musica.

Ma soprattutto, l’edizione 2009 di Mito mostra una particolare sensibilità e attenzione all’ambiente. Anche quest’anno il festival ha scelto di aderire al progetto Impatto Zero di Lifegate, che calcola le emissioni di CO2 prodotte dalla manifestazione per poi compensarle con la piantumazione e la tutela di foreste in Italia e nel mondo. L’anno scorso sono state compensate ben 830mila kg di CO2 attraverso la creazione di nuove foreste nel Parco del Ticino e in Costa Rica, per un totale di 7.400 nuovi alberi.

L’impegno a favore dell’ambiente di Mito quest’anno si spinge oltre grazie al web. Per tutto il mese di settembre e ottobre, gli internauti potranno giocare ad un quiz online che spiegherà le buone pratiche quotidiane per risparmiare e tutelare l’ambiente. Gli utenti che si dimostreranno più virtuosi potranno vincere un cofanetto con una selezione di brani del festival.

Su YouImpact, la piattaforma di condivisione di Lifegate, invece, si potranno caricare contributi audio e video che raccontino la musica secondo una visione ecologica, dimostrando che è possibile fare musica ed ascoltarla senza danneggiare l’ambiente. Per ogni contributo caricato, l’organizzazione del festival s’impegna a creare un metro quadro di foresta. Ogni venerdì, poi, sarà assegnato un bonus foresta ai 50 contenuti più votati sulla piattaforma.

Come se tutto questo non bastasse, Mito ha scelto di rimarcare la sua anima verde utilizzando per tutto il materiale di comunicazione la carta certificata Fcs, costituita per il 30% da carta riciclata. Più verde di così!