Dai Parchi eolici ai Parchi veri

249

A S. Paolo di Civitate (Foggia) una politica controcorrente che respinge l’eolico e pensa al futuro del territorio con un’area gestita con la Lipu

Non fanno più notizia i lamenti delle Amministrazioni pubbliche che si nascondono dietro le royalty per giustificare la più pesante speculazione e modifica territoriale che il Mezzogiorno abbia mai conosciuto ad opera di una potentissima lobby.

La lobby eolica! Permea il confronto democratico delle piccole comunità, si insinua in maniera strisciante nel consenso, mercificando i valori endogeni e l’identità culturale delle realtà locali: denaro in cambio di territorio, di paesaggio, di biodiversità, di storia e in genere di tutto l’assetto urbanistico, con la copertura di un’altra speculazione, quella culturale sulle fonti rinnovabili.

Si parte dal basso, con i contatti e i contratti capestro, quelli che opzionano l’uso sulle aree, che si possono mercanteggiare con altre società e che inducono le aspettative finanziarie per gli agricoltori. Con il rischio ventilato dell’esproprio.

Fino allo squallido condizionamento delle rappresentanze democratiche e l’immancabile affissione di un virtuale cartello sull’agro comunale: S-vendesi territorio.

Sullo sfondo, regole su misura per accontentare la lobby e alla fine ecco il risultato: un cancro, le cui metastasi si allargano ovunque senza più nemmeno il ritegno.

C’è però un caso degno di nota, o meglio di «notizia».

A S. Paolo di Civitate (Foggia) l’Amministrazione comunale ha adottato una politica «diversa», di corretto governo del territorio come dovrebbe essere giusto e normale, o incredibilmente «innovativa» se paragonata a quella degli altri comuni pugliesi.

Anche qui numerosi progetti ma l’Amministrazione di S. Paolo ha assunto la coraggiosa responsabilità di non liquidare il bene più prezioso, il territorio e tutti i suoi valori, omologandolo a una implicita occupazione industriale di macchine eoliche. Tenendo fede alla storia di questa comunità con battaglie popolari contro porcilaie, discariche e, appunto, progetti eolici industriali, questa Amministrazione ha respinto le progettualità dei mega impianti in tutte le sedi.

Non solo. A S. Paolo l’Amministrazione si è impegnata in direzione diametralmente opposta, promuovendo, tra l’altro, rimboschimenti piuttosto che bonifiche della ex discarica per andare «oltre», perseguendo dal basso la creazione di un’area protetta regionale sul fiume Fortore (Sito di importanza comunitaria) e sulle colline sovrastanti, di intesa con la Lipu, che anch’essa aveva avversato le aggressioni eoliche nell’agro comunale.

Un’area pensata dall’Amministrazione e dalla Lipu nel 2007 per salvare e sviluppare in armonia un pezzo di territorio e adottata dal Sindaco, Generoso Perna, e la sua Giunta in meno di due settimane, salvo poi oltre un anno e mezzo di burocrazie regionali e del consueto, scontato ostruzionismo in Consiglio regionale. Anche questi tempi descrivono la determinazione di una politica nel segno della chiarezza verso i cittadini e del rispetto territoriale con lo sguardo al futuro.

Molto stridente rispetto invece alla rozzezza che ordinariamente si riscontra in altre Amministrazioni che cedono piacevolmente alla irrimediabile consegna del territorio alla speculazione eolica, con una politica che ha ben poco di ambientale, riferita unicamente ad un becero parametro: denaro. E allora più pale per tutti! Ovunque e comunque.

Se ci sarà la possibilità di trasmettere alle future generazioni quella che è una eredità, non solo ambientale e paesaggistica ma anche culturale, lo si dovrà anche a questo raro «illuminismo» che ad oggi, rammarica dover prendere atto che sembra essere tra i pochissimi in Puglia, se non l’unico!

Per una volta si creerà un Parco vero, un’area protetta per la collettività, non solo della Daunia, dove sperimentare modelli di sviluppo armonici.

Non ci saranno cosiddetti «Parchi» eolici, termine abusato oltre misura per ammorbidire la vera natura di queste opere invasive.

(Fonte Lipu, Sezione regionale della Puglia)