Troppi chiacchiericci sulle Aree protette

326
parco abruzzo

Incontri tra Aree marine e tra Parchi nazionali. In programma anche un Consiglio Direttivo per fare il punto sul difficile momento dei parchi italiani

I parchi italiani stanno vivendo un momento di particolari difficoltà di ordine politico, amministrativo e finanziario. Circolano inoltre varie interpretazioni e proposte di riforma della legge quadro e di riordino degli enti di gestione. Alla luce di questo contesto non certo tranquillizzante la Federparchi avvia un confronto interno tra i soggetti che, più degli altri, sono interessati dai processi e dalle ipotesi di riorganizzazione: le Aree marine protette e i Parchi nazionali.

Per questo, l’associazione ha convocato due riunioni con i presidenti e i commissari straordinari delle aree protette appartenenti a queste due categorie.

Gli incontri sono in programma domani e venerdì e sono preordinati ad una discussione in seno allo stesso Consiglio Direttivo, convocato per venerdì. La riunione con i responsabili delle riserve marine, che esaminerà le esigenze di riforma del settore, approfondirà in particolare le pesanti difficoltà più volte denunciate e le possibilità di misure urgenti, anche in vista della convocazione a fine gennaio, nell’ambito di Mediterre, di una Assemblea nazionale.

Nel caso dei Parchi nazionali, invece, l’incontro punta soprattutto a esaminare le questioni legate agli aspetti finanziari, ai rapporti con il ministero dell’Ambiente e ai possibili contributi che i parchi stessi possono dare al dibattito sulle modifiche più appropriate da apportare alla organizzazione degli enti di gestione.

(Fonte Federparchi)