Anche dagli sci non si butta via niente…

87

Un processo francese di riciclaggio recupera tutto da questi attrezzi sportivi. La logica della riconversione dei materiali, anche quelli più poveri, traspare dall’auspicio «Raccogli i tappi in sughero per garantirne il recupero»

Quando si dice che del maiale non si butta via niente: un’azienda francese ha messo a punto un metodo per riciclare gli sci, estraendo le parti metalliche e trasformando il resto in combustibile ad alto potenziale per i forni dei cementifici.

Il procedimento prevede la frantumazione degli sci, particolarmente complessa dato che i materiali sono studiati per resistere agli urti di forte intensità, seguita poi dalla separazione tra frammenti metallici, destinati alla rifusione, e componenti plastici, che diventano invece combustibile.

Stessa logica della riconversione dei materiali, anche quelli più poveri, traspare dall’auspicio «Raccogli i tappi in sughero per garantirne il recupero».

Questo è lo slogan del progetto «Tappo a chi»? ideato da Rilegno, il consorzio nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclo dei rifiuti di imballaggio di legno aderente al Conai, che da quest’anno ha deciso di estendere la sua attività ai tappi in sughero.

L’eco-progetto, dopo le esperienze pilota condotte negli anni passati durante Vinitaly, è già partito in cinque regioni: Piemonte, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto ed Emilia Romagna.

L’iniziativa, ovviamente in tappe successive, si estenderà fino a ricoprire tutto il territorio nazionale.

È aperta a tutti(cantine, enoteche, ristoratori, onlus e associazioni di volontariato) e ha una vocazione spiccatamente sociale: i proventi finanzieranno iniziative benefiche, tutte rientranti nell’ambito del commercio solidale.

Il commercio equo e solidale è un approccio alternativo al commercio convenzionale e il suo scopo è promuovere giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile attraverso il commercio, ma anche e soprattutto attraverso la formazione, la cultura e l’azione politica.

Questa nuova forma di negoziazione vuole riequilibrare i rapporti con i paesi economicamente meno sviluppati, migliorando l’accesso al mercato e le condizioni di vita dei produttori svantaggiati.

Garantisce, infatti, a quest’ultimi un giusto guadagno e alla manodopera condizioni di lavoro dignitose.

Tutto questo risulta possibile grazie all’eliminazione delle intermediazioni speculative, sostenendo, con il prefinanziamento, progetti di auto-sviluppo e riuscendo così a modificare i perversi meccanismi di un modello economico che antepone il profitto ai diritti fondamentali degli esseri umani.