Bilancio «verde» per la Fiera del Levante

237

L’edizione appena conclusa fa registrare un aumento del 5% rispetto alle visite dello scorso anno. Ma soprattutto è da segnalare un’impronta ecologica con una serie di eventi sull’energie rinnovabili e l’afflusso di 10mila visitatori in bici

La campionaria barese, godendo di condizioni meteorologiche favorevoli e di un’offerta fieristico-commerciale all’altezza delle aspettative, ha potuto in questa edizione fare un boom delle presenze registrando 900mila ingressi. La Fiera del Levante, giunta alla 74° edizione, ha proposto anche un calendario di eventi di intrattenimento, oltre a numerosi momenti di confronto, durante i quali rappresentanti del mondo dell’impresa, amministratori della Regione Puglia e tecnici operanti nel pubblico e nel privato hanno avuto modo di confrontarsi su temi di grande attualità, dall’implementazione di energie rinnovabili alla necessità di tutela del paesaggio regionale, dall’efficienza e risparmio energetico agli investimenti nel settore turistico.

Dunque in Fiera non solo per fare acquisti o passare qualche ora diversa, ma anche per confrontarsi sugli scenari presenti e sulle aspettative prossime che riguarderanno inevitabilmente imprese, amministrazioni pubbliche e cittadini.

Due le note interessanti della 74° edizione: per la prima volta tra gli 800 espositori di 40 Paesi diversi c’erano anche stand in rappresentanza del Kuwait e dello Yemen e per la prima volta 10mila visitatori sono arrivati in Fiera in bici, questo ha permesso loro di entrare gratis e di snellire per quanto possibile la congestione veicolare di una delle settimane più lunghe del capoluogo pugliese.