Arbitri in campo contro la fame

106

Domenica prossima gli arbitri di serie A e B vestiranno le maglie della campagna per il diritto al cibo. Oggi quasi un miliardo di persone soffre la fame, un numero destinato ad aumentare se non si agirà in fretta

Domenica 14 novembre, grazie alla collaborazione con l’Associazione italiana arbitri (Aia), gli arbitri di serie A e B vestiranno le maglie di «Operazione Fame», la campagna di ActionAid per il diritto al cibo. Oggi quasi un miliardo di persone soffre la fame. Un numero destinato ad aumentare se non si agirà in fretta. Per questo motivo, ActionAid, organizzazione indipendente impegnata da oltre 30 anni nella lotta alle cause della povertà e dell’esclusione sociale, ha lanciato «Operazione Fame», campagna con la quale si chiede a governi, istituzioni internazionali e imprese di cambiare quelle politiche ingiuste che producono fame.

«La fame è una tragedia che causa più vittime di disastri naturali, malattie e guerre. Un’emergenza umanitaria fra le più gravi al mondo, frutto di politiche sbagliate che, però, possono essere cambiate», afferma Daniele Scaglione, Responsabile delle Campagne di ActionAid Italia. «La collaborazione con l’Aia rappresenta un’importante segno di apertura del mondo del calcio verso questioni che, anche se ci sembrano lontane, riguardano tutti noi».

«Il mondo arbitrale è da sempre molto sensibile alle tematiche di carattere sociale – dichiara Marcello Nicchi, Presidente dell’Aia -. Il diritto al cibo e la tutela della sicurezza alimentare sono temi che dovrebbero impegnarci come cittadini e come sportivi, perché linfa vitale del nostro stesso lavoro».

Collegandosi al sito www.operazionefame.it, sarà possibile partecipare attivamente alla campagna, donando un piccolo contributo a favore di Milana, progetto di sviluppo in India volto a garantire la sicurezza alimentare di una comunità composta da 700 bambini al di sotto degli 11 anni, molti dei quali orfani dell’Hiv, e delle loro famiglie.

Per maggiori informazioni:

www.operazionefame.it

www.actionaid.it.