Rio+20 – Un centro di formazione per comuni

268

È riservato oltre che per le amministrazioni comunali anche ai professionisti per prepararsi al nuovo summit sull’ambiente di Rio de Janeiro previsto a giugno del prossimo anno. La nostra iniziativa

Tra meno di un anno si apriranno i battenti di un nuovo summit mondiale sul clima: «Rio de Janeiro 2» («Earthsummit 2012»). Il primo si effettuò 20 anni fa, da cui scaturirono importanti incontri di rilievo mondiale, tra questi il famoso Protocollo di Kyoto. Il protocollo di Kyoto prevedeva(prevede ancora) di far ridurre alle nazioni firmatarie, le emissioni di gas serra nell’atmosfera ad un livello, oggi ritenuto ridicolo, del 5,6%, contro almeno il 20% previsto dalla stessa Eu.

Dal 1992 ad oggi, nonostante accordi internazionali per ridurre l’inquinamento dei suoli, delle acque e dell’aria e tentativi di soluzioni per preservare le ultime foreste del pianeta, poco si è fatto! Risultato: un deciso peggioramento della qualità della vita sia nelle nazioni industrializzate sia in quelle in via di sviluppo.

Ora con «Rio de Janeiro 2» si cercherà di valutare dove si è sbagliato e dove, invece, si è operato bene. Nasceranno da quell’incontro nuovi trattati e nuovi protocolli tra le nazioni. Sicuramente si rivedranno i limiti di emissione gas serra di Kyoto, saranno rivisti tutti i trattati che limitavano la pressione antropica sugli ecosistemi marini e forestali. Tutto bene, ma per Accademia Kronos non devono essere solo le strutture internazionali a decidere come salvare il pianeta, perché in questo modo si continuano a creare alibi al non far nulla soprattutto alle amministrazioni locali, come province e comuni. Nella barca ci siamo tutti e tutti, chi poco e chi più, dobbiamo remare per restare a galla, se questa affonda andiamo giù tutti: persone, enti, comuni e nazioni.

Salvare il pianeta dall’ecocatastrofe non vuol dire però solo fare sacrifici e rinunce, vuol dire anche occasioni di professionalità nuove, di aperture ad aspetti economici e finanziari internazionali, impensabili fino a ieri. Per salvare l’ambiente e mitigare il clima oggi ci sono norme e opportunità internazionali per ottenere finanziamenti specifici, ci sono anche soluzioni tecnologiche importanti. Il problema però è che in questa epocale sfida per la sopravvivenza del pianeta i nostri amministratori, di grandi e piccoli comuni, per il 90% dei casi sono impreparati.

Lo vediamo spesso nel pressapochismo e nel l’ignoranza di molti assessori e tecnici comunali riguardo l’interpretazione e l’applicazione di norme comunitarie, nonché nell’atto di formulare richieste internazionali di finanziamenti per opere di tutela ambientale e di salvaguardia della biodiversità. Uno dei problemi base dei nostri amministratori è la poca conoscenza della lingua inglese, oltre a questo, va aggiunta la poca preparazione su tutto ciò che è legato all’ambiente, dalle norme internazionali, ai certificati verdi, agli sportelli Uda, alla certificazione per l’efficienza energetica dei fabbricati, all’uso del Gps per fini urbanistici e naturalistici, all’agricoltura ecocompatibile, ecc. ecc.

A tutto questo Accademia Kronos ha deciso di porre rimedio, istituendo un centro di formazione superiore per amministratori e cittadini, capace di offrire strumenti formativi al passo con le esigenze del momento. Quindi dall’insegnamento dell’inglese comunitario, alla compilazione dei bilanci ambientali, dal trattamento dei rifiuti attraverso le ultime metodologie non inquinanti, all’insegnamento di come compilare le richieste di finanziamento comunitario, dal recupero dei fabbricati fatiscenti, all’agricoltura ecocompatibile, ecc. ecc.

Tre le sedi nel Lazio di Accademia Kronos adibite a questo scopo: Roma, Ronciglione e Viterbo. I docenti sono stati scelti tra le università del Lazio, dell’Enea, del ministero dell’Ambiente, dell’Uci e di altri enti di ricerca e studi ambientali.

Dalla segreteria nazionale di Accademia Kronos è iniziato l’invio ai comuni delle province di Roma, Terni e Viterbo di un questionario nel quale vengono presentati i corsi, gli stage e gli incontri ai quali ogni amministrazione potrà scegliere di partecipare. Oltre a questo sono previsti incontri nelle tre sedi per apprendere le ultime opportunità per ottenere finanziamenti anche a fondo perduto per iniziative di riqualificazione del territorio.

Il centro d’informazione inizierà la propria attività a partire da metà novembre. Chi interessato a partecipare ad un percorso formativo in ambito ambientale può telefonare al n. 0761.093080 o inviare una richiesta all’indirizzo e mail: ak@accademiakronos.it.

(Fonte Accademia Kronos)