Il Perù ignora le linee guida Onu sulle tribù incontattate

285

Questo progetto d’espansione incrementa le polemiche sul gigante del gas argentino Pluspetrol e il suo famigerato progetto Camisea nel Perù sud-orientale. In passato, l’esplorazione di gas e petrolio avevano già portato a contatti violenti e rovinosi con gli Indiani

Il governo del Perù sta ignorando le nuove linee guida delle Nazioni unite sulla tutela degli Indiani incontattati dell’Amazzonia.
Anziché adeguarsi al rivoluzionario rapporto Onu che sostiene il diritto delle tribù di rimanere isolate, il Perù sta permettendo al più grande progetto di sfruttamento del gas del paese di espandersi ulteriormente in territori indigeni abitati da numerosi Indiani incontattati.

Le nuove linee guida delle Nazioni unite chiariscono che le terre delle tribù incontattate dovrebbero essere inviolabili e che al loro interno «non dovrebbero essere accordati diritti che implichino l’utilizzo di risorse naturali».

Questo progetto d’espansione incrementa le polemiche sul gigante del gas argentino Pluspetrol e il suo famigerato progetto Camisea nel Perù sud-orientale.

In passato, l’esplorazione di gas e petrolio avevano già portato a contatti violenti e rovinosi con gli Indiani isolati del Perù.

Nei primi anni 80, gli operai della Shell aprirono sentieri nella terra degli Indiani incontattati Nahua. Subito dopo, le malattie uccisero la metà della tribù.

«La compagnia non dovrebbe essere qui – ha dichiarato uno dei Nahua sopravvissuti che oggi abita vicino alla zona d’espansione del progetto Camisea -. Continuiamo a sentire gli elicotteri. I nostri animali se ne sono andati tutti, non c’è più pesce. Non voglio la compagnia. No! No alla compagnia!».

Nonostante una campagna elettorale che prometteva di rispettare i diritti indigeni, il Presidente del Perù Ollanta Humala ha fatto ben poco per garantire la sopravvivenza dei popoli indigeni.
Il consorzio Camisea comprende la statunitense Hunt Oil e la spagnola Repsol. Entrambe sono state accusate di violazione dei diritti dei popoli tribali.

«L’innovativo rapporto delle Nazioni unite riconosce i diritti degli Indiani isolati – ha commentato oggi Stephen Corry, Direttore generale di Survival International -. Il Perù deve leggerlo e rispettare la volontà di chi vuole restare solo prima che intere tribù vadano perdute per sempre».

(Fonte Survival International)