L’Italia si riscalda di più

161

«Ormai su questo la comunità scientifica ha raggiunto un consenso vastissimo. Siamo ampiamente fuori dalla variabilità naturale del clima; il clima cambia velocemente e le attività umane, in particolare la combustione dei combustibili fossili, ne sono la causa principale negli ultimi decenni, come riportato dall’ultimo rapporto Ipcc»

È di pochi giorni fa la pubblicazione su Italian Climate Network di un comunicato stampa che evidenzia come il clima stia cambiando e stia diventando sempre più caldo. La cosa che forse non sapevamo è che, in questo trend, abbiamo un Italia che si riscalda decisamente di più rispetto al resto del pianeta.
Stefano Caserini, docente di Mitigazione dei Cambiamenti Climatici al Politecnico di Milano, autore del libro «A qualcuno piace caldo» nonché uno dei fondatori di Italian Climate Network (Icn) analizza i dati diffusi in questi giorni e dice:
«Questi nuovi record segnano l’ennesima smentita delle tesi negazioniste che negli ultimi anni hanno ripetuto che il riscaldamento globale si era fermato. Avevamo detto che non era così e ora c’è la conferma ufficiale. Archiviamo dunque il negazionismo climatico come abbiamo fatto per quello sui danni del fumo delle sigarette e impegniamoci seriamente e con decisione per ridurre drasticamente le emissioni dei gas climalteranti. Secondo i centri di ricerca che ogni anno analizzano i dati delle temperature globali, il 2014 è stato l’anno più caldo da quando esistono misurazioni delle temperature dell’atmosfera che permettono di ricostruire la medie globale, circa 150 anni.
«I 10 anni più caldi di sempre, con l’eccezione del 1998 sono tutti stati registrati dopo il 2000.
«Anche in Italia il 2014 è stato un anno record e i dati confermano come la nostra penisola si stia scaldando più velocemente della media globale e di altre terre emerse del pianeta».
Insomma si è registrato che l’aumento delle temperature in Italia nel 2014 è stato di +1,45°C rispetto al trentennio 1971-2000; rispetto a questo stesso periodo il riscaldamento medio globale nel 2014 è stato di circa 0,46°C e ormai non c’è dubbio che la causa del riscaldamento globale siano le emissioni dei gas climalteranti delle attività umane.
Sempre Caserini, spiega:
«Ormai su questo la comunità scientifica ha raggiunto un consenso vastissimo. Siamo ampiamente fuori dalla variabilità naturale del clima; il clima cambia velocemente e le attività umane, in particolare la combustione dei combustibili fossili, ne sono la causa principale negli ultimi decenni, come riportato dall’ultimo rapporto Ipcc».
Ma una buona notizia c’è: se la situazione del clima è sempre più preoccupante, secondo Caserini:
«Numerosi studi dimostrano che è possibile ridurre le emissioni senza danneggiare il sistema economico, in diversi casi addirittura con molti guadagni. Le azioni da mettere in campo sono molteplici e la principale è riuscire a lasciare sottoterra tre quarti dei combustibili fossili conosciuti».
In definitiva, le problematiche legate al clima ci sono, la situazione è complessa ma una politica seria sul clima, che diventi seriamente un pilastro di un nuovo modello di sviluppo sostenibile del nostro Paese, potrebbe aiutarci a vivere senza troppe preoccupazioni il nostro futuro e quello delle future generazioni.