L’isola di Baffin svela com’era 40mila anni fa

3481
isola di Baffin Canada

In Canada un paesaggio mai visto in 40.000 anni. È la quinta isola più grande del mondo, caratterizzata da fiordi profondamente incisi. Il ghiaccio sottile e freddo dell’altopiano agisce come una sorta di deposito naturale che ha preservato per millenni antichi muschi e licheni nella loro posizione originaria di crescita

L’ultima volta che questo paesaggio ad ovest della Groenlandia ha visto il sole è stato durante la metà dell’ultima era glaciale, quando le temperature in media erano più basse rispetto ad oggi. I Neanderthaliani si erano appena estinti e gli umani avevano appena iniziato a cacciare mammut lanosi. Nel frattempo, sull’isola di Baffin, la maggior isola dell’Arcipelago artico canadese, il ghiaccio si diffuse e coprì piante antiche, seppellendole al freddo. Ora, quelle piante sono state esposte ancora una volta, millenni dopo.

Lo studio, pubblicato sulla rivista «Nature Communications», ha utilizzato la datazione al radiocarbonio per determinare l’età delle piante raccolte ai bordi di 30 calotte glaciali sull’isola di Baffin, ad ovest della Groenlandia. L’isola sta infatti vivendo un significativo riscaldamento estivo negli ultimi decenni, e potrebbe sperimentare il suo secolo più caldo in 115.000 anni.

Alcuni ricercatori dell’Università del Colorado, guidati da Simon Pendleton, autore principale e ricercatore di dottorato presso l’Institute of arctic and alpine research (Instaar) dell’Università del Colorado, hanno studiato il ritiro dei ghiacciai sull’isola di Baffin per oltre 12 anni. Pendleton ha assistito ai cambiamenti nel corso degli anni in prima persona.

«L’Artico si sta surriscaldando da due a tre volte più velocemente rispetto al resto del globo, quindi, naturalmente, i ghiacciai e le calotte polari reagiscono più velocemente», ha dichiarato Pendleton.

L’isola di Baffin è la quinta isola più grande del mondo, caratterizzata da fiordi profondamente incisi. Il ghiaccio sottile e freddo dell’altopiano agisce come una sorta di deposito naturale che ha preservato per millenni antichi muschi e licheni nella loro posizione originaria di crescita.

«Viaggiamo verso i margini del ghiaccio in ritirata, campioniamo piante appena esposte conservate su questi antichi paesaggi e datiamo le piante al carbonio per farci un’idea di quando il ghiaccio è avanzato verso quell’area — ha detto Pendleton —. Poiché le piante morte vengono rimosse efficacemente dal paesaggio, l’età del radiocarbonio delle piante radicate definisce l’ultima volta che le estati sono state calde, in media, come quelle del secolo scorso».

Il team di ricerca ha raccolto un totale di 124 campioni di piante, muschi e rocce da 30 siti intorno all’isola, il tutto a meno di un metro dal bordo della calotta glaciale. Il team ha anche raccolto campioni di quarzo dai siti per stabilire ulteriormente l’età e la copertura del ghiaccio. Una volta che i campioni sono stati processati, incredibilmente, i ricercatori hanno scoperto che le piante di tutti i 30 siti sono state probabilmente coperte di ghiaccio per almeno 40.000 anni.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che le temperature attuali vanno a definire quello che è il secolo più caldo per la regione da oltre 115.000 anni. «È probabile che questo trend continuerà, finendo per rimuovere tutto il ghiaccio dall’isola di Baffin nei prossimi secoli — ha concluso lo studioso — anche in assenza di ulteriore riscaldamento estivo».

Sebbene possa essere d’effetto per gli scienziati che hanno condotto lo studio camminare su un terreno che è stato ricoperto dal ghiaccio per più di 40.000 anni, ciò prova quanto radicalmente e velocemente stiano prendendo piede gli effetti del surriscaldamento globale.

 

Cristina Di Leva