Wwf – Salviamo i lilliput della natura

317

Gli invertebrati a rischio scomparsa possono alterare la catena ecologica

Spugne, coralli, stelle e ricci di mare, ragni e millepiedi: gli invertebrati sono alla base della catena ecologica, rappresentano nel mondo il 99% delle specie animali ma sono quasi sempre calunniati o poco conosciuti. A puntare l’attenzione su di essi ci ha pensato il WWF, che ha individuato i «panda» da proteggere anche tra insetti, molluschi e crostacei.
In Italia sono 343 le specie a rischio estinzione (su oltre 53.000 conosciute), secondo il Libro Rosso degli invertebrati realizzato dall’associazione del panda con il contributo del Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica. Si tratta di 244 insetti, 49 molluschi, 40 crostacei