Antartide, in anticipo lo spaccamento del Pack

303

Il fenomeno accade probabilmente a causa dei cambiamenti climatici. A riferirlo sono alcuni ricercatori del Consiglio nazionale delle ricerche

La superficie di ghiaccio della Thetis Bay, dove ha sede la base italiana «Stazione Mario Zucchelli», quest’estate appariva dall’alto come un puzzle di tessere bianche galleggianti. «E’ la prima volta – dichiara Roberto Azzolini, coordinatore del progetto «Polarnet» del Consiglio nazionale delle ricerche e membro della Commissione scientifica nazionale per l’Antartide – che la banchisa, utilizzata come aeroporto, si rompe con più di un mese di anticipo, rendendo difficile qualsiasi operazione logistica per il ricambio del personale e l’approvvigionamento».
Del fenomeno si è parlato nel corso del convegno «Il K2 cinquant’anni dopo. La ricerca scientifica negli ambienti estremi», che si