Effetto serra – Anche la forfora nell’aerosol

92

Una ricerca condotta dall’Università di Mainz in Germania ha messo in evidenza che tra gli aerosol atmosferici una parte consistente (che può arrivare fino al 40% in alcune zone) non è costituita da particelle inorganiche ma da microscopiche particelle di origine biologica: sono cioè aerosol derivanti da pollini, frammenti di cellule morte vegetali o animali, batteri, ecc., comprese anche microscopiche scagliette di pelle e forfora dei capelli umani

Le minutissime particelle di polvere in sospensione nell’atmosfera e denominate «aerosol» giocano un ruolo cruciale sia nella formazione delle nubi e delle perturbazioni (diventano nuclei di condensazione del vapore e favoriscono la crescita delle nubi), sia nei processi climatici. In particolare a seconda di come sono costituite tali minutissime particelle possono aumentare o diminuire l’effetto serra di ampie porzioni territoriali. Gli aerosol costituiti da polveri per lo più bianche o chiare derivanti da carbonati, solfati, silicati ecc. di origine naturale ed in parte di origine dall’inquinamento urbano, sono in genere dei raffreddanti atmosferici e diminuiscono quindi l’effetto serra. Viceversa, gli