Vent’anni di ricerca al servizio dei cetacei nel Mediterraneo

131

Delfini e balene del Mediterraneo sempre più in pericolo, esposti a minacce che vanno dalla morte nelle reti al degrado dell’ambiente, dalla scarsità di prede causata dalla pesca eccessiva al rumore. Tra le diverse realtà italiane che hanno a cuore la sorte di questi mammiferi marini e si battono per la loro tutela spicca l’Istituto Tethys

Fondato il 31 gennaio 1986, Tethys ha appena raggiunto il traguardo dei vent’anni di attività. Venti anni durante i quali biologi e naturalisti appassionati hanno portato uno straordinario contributo alla conoscenza e salvaguardia dei cetacei. Basandosi esclusivamente sull’autofinanziamento, Tethys ha generato una delle maggiori banche dati sui cetacei del Mediterraneo e circa 240 contributi scientifici. L’Istituto è stato il primo a concepire e proporre la creazione del Santuario Pelagos, sulla base di informazioni dettagliate ottenute in mare.
I dati raccolti nel corso di campagne di ricerca svolte sin dal 1990 nel bacino Corso-Ligure-Provenzale (l’attuale Santuario) hanno contribuito a dimostrare