La Spagna esce dal nucleare

171

Aumenta l’impegno spagnolo nello sviluppo delle fonti rinnovabili

Il primo ministro spagnolo Zapatero ha confermato l’uscita dal nucleare, all’annuale dibattito sullo stato del Paese al Parlamento spagnolo.
«È una buona notizia per l’ambiente e la sicurezza e una risposta chiara all’industria nucleare che chiedeva di costruire altre 10 centrali e di prolungare la vita di quelle esistenti – dichiara Giuseppe Onufrio direttore delle campagne di Greenpeace Italia -. Il forte impegno spagnolo nello sviluppo delle fonti rinnovabili e il mantenimento della chiusura del nucleare dovrebbero far riflettere quanti in Italia continuano a spingere sul nucleare».

Per Greenpeace si tratta di una scelta saggia, al contrario delle iniziative