Marchio di Qualità per il Parco Alto Garda Bresciano

175

Il Parco Alto Garda Bresciano ha adottato la Carta di Valorizzazione del Territorio, un protocollo di intenti elaborato dalla Comunità stessa e validato da un ente di certificazione di terza parte, in cui sono dichiarati gli standard ai quali il territorio intende fare riferimento per offrire prodotti e servizi di alta qualità

Certificare un’offerta turistica e un modello di vita rispettosi del territorio. È la nuova sfida intrapresa dal Parco, che ha assunto l’impegno di fare della sostenibilità e della eco-compatibilità il punto di forza del proprio operare per offrire un ambiente sano e salubre alla popolazione residente e al turista, attivando un percorso virtuoso di concertazione tra i soggetti economici al fine di creare una rete territoriale di sviluppo che si distingua con un Marchio di Qualità del Parco.

Il Parco Alto Garda Bresciano ha adottato la Carta di Valorizzazione del Territorio, un protocollo di intenti elaborato dalla href=”https://www.vglobale.it/2009/01/10/cmpagb-comunit-montana-parco-alto-garda-bresciano/”>Comunità stessa e validato da un ente di certificazione di terza parte, in cui sono dichiarati gli standard ai quali il territorio intende fare riferimento per offrire prodotti e servizi di alta qualità. Il progetto realizzato in collaborazione con il Gal GardaValsabbia, in qualità di «Agenzia di sviluppo» del territorio del Parco, è validato e certificato da Dnv, ente di certificazione indipendente chiamato a svolgere le attività di verifica per il rilascio e il mantenimento annuale del marchio di qualità.

La Carta di Valorizzazione del Territorio è costituita da una serie di carte tematiche, ognuna qualificante le diverse tipologie di prodotti e servizi offerti dai vari attori operanti sul territorio (gestori di strutture turistico-ricettive, ristoratori, allevatori e agricoltori, associazioni di categoria, enti pubblici, ecc.). Le organizzazioni che intendono ottenere il Marchio di Qualità del Parco devono definire le caratteristiche del proprio servizio o prodotto in conformità ai requisiti minimi stabiliti nei disciplinari specifici ed elaborare inoltre strategie di miglioramento delle prestazioni.

Gli attori che aderiranno potranno esporre il marchio che li identifica di fronte a cittadini e turisti come «imprese del Parco». Il Marchio dovrà incentivare un percorso virtuoso verso l’adozione di sistemi di certificazione volontaria più o meno complessi (come il Marchio Ecolabel, Iso 14001/Emas, ISO 9001, oppure le denominazioni «Biologico», «Dop», «Agroalimentare», ecc). La prima fase del progetto, per il quale la Comunità Montana ha stanziato 210mila euro, il 70% dei quali cofinanziati dal programma Leader Plus attraverso lo stesso Gal, consisterà nell’individuazione di tutti i possibili soggetti interessati all’ottenimento del Marchio.

«Gli obiettivi di qualità che si vogliono perseguire – spiega il dott. Luca Nadali, referente del Gal per il progetto – sono quelli di valorizzare il territorio, i prodotti tipici e i numerosi servizi provenienti dalla filiera produttiva del Parco in quanto rispettosi della qualità dell’ambiente; creare le condizioni migliori per una sinergia fra i diversi attori del progetto; incentivare e sostenere i soggetti economici nell’adozione di metodi e sistemi di produzione rispettosi dell’ambiente; creare le condizioni di un’offerta turistica più compatibile con l’ambiente, ponendo le basi per un’efficace azione di educazione ambientale».
«L’obiettivo ? aggiunge il presidente della Comunità Montana, avv. Bruno Faustini – è consentire ai soggetti operanti nel territorio del Parco di ottenere il Marchio di qualità, garanzia di impegno e attenzione alle esigenze del cliente, differenziandosi per la elevata qualità del prodotto/servizio offerto e di adottare sistemi di gestione per la qualità e il controllo dei possibili impatti ambientali, riducendo gli sprechi e i consumi. Il progetto consentirà inoltre più facili accessi alle risorse finanziarie erogate tramite bandi europei e regionali e di fare sistema con aziende che si distinguono per la stessa scelta».
(Fonte M&CM S.r.l. – Tel. 02-68821623 – e-mail: f.beretta@mecm.it)