Il fantastico mondo delle grotte pugliesi

57

La storia della speleologia, strettamente collegata al carsismo pugliese, risale al 23 Gennaio del 1938, quando Franco Anelli, calatosi nella grave di Castellana Grotte, scopre la vastità e la bellezza del mondo sotterraneo della Regione

È stato presentato, nella Sala Convegni dell’Ente Parco Nazionale dell’Alta Murgia, a Gravina, il volume «Grotte e carsismo in Puglia».
Il volume, a cura di Salvatore Inguscio, Domenico Lorusso, Vincenzo Pascali, Giovanni Ragone e Giuseppe Savino, 200 pagine, edito dalla Regione Puglia, Assessorato all’ecologia e dalla Federazione Speleologica Pugliese, grazie al contributo rinveniente dai fondi Por Puglia 2000-2006 e dal sistema per la conservazione della Natura in Puglia, rappresenta un importante lavoro di aggiornamento e di descrizione del rilevante patrimonio carsico della Regione.
La storia della speleologia, strettamente collegata al carsismo pugliese, risale al 23 Gennaio del 1938, quando