Imprese: accordo chiaro per il post–Kyoto

303

Appello finale ad intraprendere una innovativa collaborazione internazionale per affrontare le sfide poste dalla globalizzazione, specialmente per quanto riguarda i conflitti, il terrorismo, i cambiamenti climatici e la conservazione dell’acqua

L’incontro annuale del Forum economico mondiale (World Economic Forum) del 2008 a Davos (Svizzera) si è concluso con un appello ad intraprendere una innovativa collaborazione internazionale per affrontare le sfide poste dalla globalizzazione, specialmente per quanto riguarda i conflitti, il terrorismo, i cambiamenti climatici e la conservazione dell’acqua.
I rappresentanti delle maggiori imprese a livello mondiale, hanno lanciato un messaggio ai governi in cui chiedono che un futuro accordo internazionale sui cambiamenti climatici post-2012 preveda risultati chiari e comprenda obiettivi di emissioni concordati, per poter indirizzare le decisioni sugli investimenti ed evitare distorsioni del mercato. target=”_blank”>Essi chiedono inoltre ai governi di essere coinvolti nel processo che deve portare all’accordo nel 2009, dopo la conferenza Unfccc di Bali.

Un altro messaggio emerso dal Forum richiama la qualità e la trasparenza del mercato volontario del carbonio.

Discorso di apertura del Presidente dell’Ipcc Rajendra Pachauri (23 gennaio) «Mr Rajendra Pachauri, at the World Economic Forum in Davos, Opening Session, 23 January 2008»

– Discorso del Presidente dell’Ue (25 gennaio) «President Barroso welcomes Davos statement on Millennium Development Goals»

– Ulteriori informazioni:
– www.wbcsd.org/templates/TemplateWBCSD5/layout.asp?type=p&MenuId=MQ&doOpen=1&ClickMenu=LeftMenu
– www.weforum.org/

(Fonte Ipcc Focal Point Nazionale)