La Federparchi scrive le priorità per il prossimo governo

64

Solo attraverso la conoscenza delle proprie potenzialità ambientali e dei rischi che queste corrono a causa degli ormai inevitabili cambiamenti climatici in atto si può iniziare un processo di svecchiamento della gestione delle nostre risorse territoriali

Essere consapevoli delle straordinarie risorse naturali dell’Italia è la richiesta principale che la Federparchi, la federazione italiana parchi e riserve naturali, impacchetta in un documento indirizzato ai possibili futuri presidenti del Consiglio affinché si prenda in seria considerazione un programma di governo che punti con fermezza verso strategie di sviluppo sostenibili e rispettose dell’ambiente.

Solo attraverso la conoscenza delle proprie potenzialità ambientali e dei rischi che queste corrono a causa degli ormai inevitabili cambiamenti climatici in atto si può iniziare un processo di svecchiamento della gestione delle nostre risorse territoriali.
I nostri parchi naturali difatti costituiscono una ricchezza insostituibile