Astrologia e scienza

208

Cosa ci si può aspettare da una Tv che promuove il reality? Gli oroscopi naturalmente. Che questo lo faccia la Tv commerciale amen, ma che c’entra la Tv di Stato?
Certo se lo Stato non si sbraca per la ricerca scientifica, allora è tutto nella norma anzi, è ovvio.
Qui non c’entra la Vigilanza Rai che è in tutt’altre faccende affaccendate e che per «vocazione» non si interessa di tali quisquilie. Certo il bacio fra due gay è di gran lunga più pericoloso per il cittadino italiano…
Che poi resti

un sonoro ignorante che si fa turlupinare dal primo maghetto che promette ricchezza e amore, è un problema secondario.
Ma la cosa più importante e che è in linea col mondo di plastica che stiamo vivendo, e così l’oroscopo si salda con i reality. È il clima di confusione fra realtà e fiction, fra superstizione e scienza. E questa mancanza di rigore, tutta italiana, fa sì che i cittadini rispondano con una scrollata di spalle anche di fronte ai problemi seri, che non si interessino più di approfondire e di puntare alla notizia senza verificare la fonte.
Verificare la fonte era una massima sacra per i giornalisti di una volta. Ora tutto è confuso: ci sono verità di destra e verità di sinistra, oroscopi ed informazione scientifica, dibattiti sul ruolo dello Stato e lo Stato che vuole controllare i controllori.
I giornali più «coraggiosi» prendono in prestito le dichiarazioni del Cicap per dire che gli oroscopi sono una balla: certo meglio essere equidistanti per non perdere altri Lettori… Questa informazione così attenta agli equilibri politici e così sciatta e disattenta in campo scientifico.
Certo noi non vogliamo tagliare niente con l’accetta, sappiamo che l’astrologia ha generato l’astronomia, e le scoperte scientifiche ci hanno più volte fatto ricredere sui così detti rimedi della nonna o vedi la medicina occidentale, orientale o sciamana. Può anche darsi che in futuro si scopra un’emissione di raggi a noi sconosciuti e che arrivando sulla terra influenzano il nostro midollo spinale o altro. Non vogliamo apparire chiusi e talebani. Ma da questa apertura scientifica al credere che una congiunzione astrale possa decretare il successo o l’insuccesso di un amore o di un affare ce ne corre.
Eppure c’è chi ne approfitta di tutto ciò, d’altra parte un popolo poco critico e istruito è sempre meglio di uno con cui fare i conti.
E così affrontiamo un altro anno… (I. L.)