Ridotto il numero dei pesticidi

173

Delle 1.000 sostanze diffuse sul mercato europeo prima del 1993, solo 250 (circa il 26%) hanno superato i nuovi accertamenti a livello europeo

Nel 2008 l’Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) ha raggiunto un importante traguardo del proprio lavoro di revisione della sicurezza delle sostanze attive attualmente impiegate nei pesticidi, come previsto nell’ambito della direttiva 91/414/CEE del Consiglio.

Tale lavoro ha consentito alla Commissione europea di portare a termine il processo di revisione di tutte le sostanze commercializzate prima del 1993 e di stabilire un elenco di sostanze attive che possono essere incluse nei prodotti fitosanitari in tutta l’Unione europea1.

Nel 1993 la Commissione europea ha avviato un programma di revisione di tutte le sostanze attive impiegate nei prodotti fitosanitari nell’Ue. Sin dalla sua istituzione, l’Efsa ha svolto un ruolo di fondamentale importanza nel processo, valutando, dal 2003, la sicurezza di oltre 120 sostanze attive.

Come previsto nell’ambito della direttiva 91/414/CEE del Consiglio, il ruolo di coordinamento dell’Efsa nella revisione tra pari delle valutazioni del rischio per le sostanze attive impiegate nei pesticidi avrà ora seguito. Questo lavoro viene condotto in stretta collaborazione con gli esperti scientifici degli Stati membri, con lo scopo ultimo di proteggere la salute delle persone e l’ambiente in Europa2.

L’unità dell’Efsa che si occupa dell’esame tra pari della valutazione del rischio dei pesticidi (Praper) e gli Stati membri sono stati fortemente impegnati in uno sforzo congiunto per raggiungere le impegnative scadenze del programma di revisione, arrivando a triplicare il numero di conclusioni sulle sostanze attive pubblicate nel 2008 rispetto all’anno precedente.

L’Efsa è anche l’organismo indipendente di valutazione del rischio responsabile in ambito comunitario per la valutazione dei livelli massimi di residui (Lmr) di pesticidi, in altre parole i livelli massimi di residui legalmente ammessi in o su alimenti o mangimi.

Nel periodo 2006-2008 l’unità Praper ha già portato a termine la revisione di 280 sostanze attive per assistere la Commissione nella definizione di circa 74.000 Lmr, e l’ultimazione del programma di revisione darà ora il via a un progetto di riesame integrale degli Lmr stabiliti a livello comunitario per 350 sostanze attive nei prossimi due anni.

A settembre 2008 l’Efsa ha istituito un nuovo Comitato direttivo sui pesticidi, formato da rappresentanti dell’Efsa, della Commissione europea e degli Stati membri, con la responsabilità specifica di gestire e pianificare globalmente i programmi relativi alla valutazione del rischio e agli Lmr per i pesticidi e, in particolare, per studiare modi per ottimizzare il processo a fronte di un carico di lavoro in costante crescita e di un contesto normativo in evoluzione.

Il database dei pesticidi approvati

Prima dell’introduzione della nuova direttiva, il livello di protezione variava a seconda del Paese considerato. Delle 1.000 sostanze diffuse sul mercato europeo prima del 1993, solo 250 (circa il 26%) hanno superato i nuovi accertamenti. La maggior parte delle sostanze (il 67%) è stata eliminata a causa dell’assenza, dell’inadeguatezza o dell’incompletezza dei relativi dossier.

Circa 70 sono invece le sostanze rimosse dal mercato perché valutate non sicure. Dal 16 marzo 2009 è disponibile sul sito della Commissione europea il database delle sostanze attive con lo scopo di garantire un’informazione trasparente e aggiornata della legislazione europea in materia di pesticidi.

Per approfondire

Un opuscolo della Direzione Generale della Salute & dei consumatori della Commissione Europea sull’azione dell’Unione Europea in materia di pesticidi

Informazioni generali sui principi attivi e sui prodotti fitosanitari

Nuovo regolamento sui prodotti fitosanitari

Strategia tematica per l’uso sostenibile dei pesticidi

Informazioni generali sui residui dei pesticidi

Autorità europea per la sicurezza alimentare

(Fonte Arpat)

Nota 1

Nel sistema comunitario l’immissione sul mercato e l’impiego dei prodotti fitosanitari sono disciplinati dalla direttiva 91/414/CE del Consiglio, che elenca le norme che gli Stati membri devono seguire in materia di prodotti fitosanitari. Questi ultimi non possono essere immessi sul mercato né utilizzati senza preventiva autorizzazione e gli Stati membri possono solo autorizzare i prodotti contenenti sostanze attive che siano state approvate a livello comunitario. Questa direttiva verrà sostituita da una nuova serie di regolamenti la cui entrata in vigore è attesa per il 2010.

Nota 2

Da quando l’Efsa è stata istituita, la valutazione del rischio è stata separata dalla sua gestione. La valutazione dei pesticidi si svolge in due fasi: una «sostanza attiva» viene prima sottoposta alla valutazione di uno Stato membro designato «relatore» e poi la valutazione del rischio viene sottoposta a una revisione tra pari da parte dell’unità dell’Efsa che si occupa dell’esame tra pari della valutazione del rischio dei pesticidi (Praper), in stretta collaborazione con gli scienziati degli Stati membri.