Clima – Ecofin non fissa le risorse per i Pvs

388

La decisione rimessa al prossimo summit europeo dei Capi di Stato

A poche settimane dall’avvio della Conferenza delle Nazioni unite sui Cambiamenti climatici di Copenhagen, i ministri europei dell’Economia riuniti oggi al vertice Ecofin hanno fallito nuovamente a indicare l’ammontare delle risorse finanziarie necessarie per aiutare i Paesi in via di sviluppo a contrastare i cambiamenti climatici.

«Quello di oggi è un altro grave passo per spingere la conferenza di Copenhagen verso il fallimento totale – denuncia Francesco Tedesco, responsabile Campagna Energia e Clima di Greenpeace -. La questione finanziaria è un punto cruciale per sbloccare i negoziati, ma la mancanza di leadership da parte dei ministri europei ci spingerà verso il muro contro muro».

A questo punto la decisione verrà rimessa al prossimo summit europeo dei Capi di Stato, tra dieci giorni. Greenpeace esorta tutti i leader europei a mantenere fede alla leadership sul clima e chiede all’Europa di contribuire con 35 miliardi di euro all’anno, fino al 2020, per aiutare i Paesi in via di sviluppo a ridurre le proprie emissioni, per fermare la deforestazione, e per misure di adattamento agli impatti inevitabili dei cambiamenti climatici.

«Se i capi di Stato non metteranno una pezza al passo falso di oggi, non ci sarà alcun accordo a Copenhagen e l’umanità andrà incontro a migrazioni di massa, aumento della fame nel mondo, perdita di interi ecosistemi ed estinzioni del 30 per cento delle specie viventi oggi conosciute – ricorda Tedesco -. I costi per l’economia saranno pari al 20 per cento del Pil mondiale, dunque i soldi da investire oggi sono minimi rispetto ai costi futuri degli impatti climatici».

(Fonte Greenpeace)