Fotovoltaico, in Emilia-Romagna incentivi per 30 milioni di euro

162

Stilate le classifiche per province: sul podio Bologna, Modena e Forlì-Cesena, In regione i chilowatt installati sono aumentati del 41,5% in un solo semestre

Fotovoltaico: a giugno 2010 l’Emilia-Romagna consolida la sua terza posizione tra le regioni italiane più virtuose per la potenza generata con il fotovoltaico e i suoi cittadini «incassano» trenta milioni di euro all’anno.

In regione l’aumento di installazioni in un solo semestre è stato esponenziale, passando dai 63.331 kW di potenza di dicembre 2009 ai 103.468 kW di giugno 2010, con una crescita del 41,5%, ossia 40,137 kW. L’energia solare prodotta sul territorio regionale sarebbe sufficiente a coprire i consumi domestici di circa 35mila famiglie.

Nel totale, a partire dal 2005, l’Emilia-Romagna è la terza regione in Italia per potenza da fotovoltaico (103.471 kW), dietro la Puglia (236.907 kW) e la Lombardia (140.082 kW). Stessa posizione se si considera il numero totale di installazioni: l’Emilia-Romagna con i suoi 6.730 impianti resta terza in Italia, superata solo dalla Lombardia a quota 12.195 e dal Veneto con 7.838 impianti.

Sono questi alcuni dei parametri che si ricavano dall’analisi effettuata dall’Ufficio studi della Ubisol sui dati ufficiali del Gse, il Gestore dei servizi energetici, numeri aggiornati a giugno 2010.

«Abbiamo elaborato e diffuso questi dati perché il mondo del fotovoltaico sta vivendo proprio in questi giorni alcuni passaggi fondamentali – spiega Francesco Rinaldi, amministratore delegato della Ubisol, azienda riminese leader del settore -. Lo scorso 8 luglio, la Conferenza Stato-Regioni ha approvato il terzo Conto Energia, che entrerà in vigore da gennaio 2011, confermando gli incentivi anche per il prossimo triennio; intanto l’Italia ha superato la quota degli 80mila impianti e la soglia dei 1.300 MW di potenza. Il settore è cresciuto in maniera esponenziale, basti pensare al nostro caso: siamo nati nel 2006 e da allora siamo passati da 2 a 20 addetti».

«Diffondere l’energia pulita da impianti fotovoltaici – sottolineano gli esperti della Ubisol – rappresenta non solo una scelta virtuosa per l’ambiente, ma anche un proficuo investimento per i territori che spingono questa fonte rinnovabile. In Emilia-Romagna, grazie al fotovoltaico installato con la convenzione del secondo Conto Energia, arrivano in un anno oltre 30 milioni di euro. Considerando che le convenzioni hanno una durata ventennale, si parla di una somma che supera i 600 milioni di euro per i prossimi due decenni, senza considerare che il fotovoltaico continuerà a crescere e ad attirare incentivi».

Per tornare ai dati, il fotovoltaico in Italia, come detto, ha già superato abbondantemente i 1.300 MW di potenza nominali: «Si tratta – concludono dalla Ubisol – di una potenza nominale di gran lunga superiore a quella che verrebbe sviluppata riattivando, con una spesa di qualche miliardo di euro, la centrale nucleare di Caorso (Pc). Con la differenza che il fotovoltaico è a costo zero, ci solleva dal rischio di avere un sito nucleare a due passi dalle nostre case e non crea il problema dello smaltimento delle scorie».

Fotovoltaico: i dati del 2010 in Emilia-Romagna

Tornando ai numeri della ricerca Ubisol, considerando tutti gli impianti attivati sul territorio regionale fino al primo giugno scorso e a partire dal 2005, nella classifica regionale al primo posto per potenza è la provincia di Bologna con un totale di 29.108 kW, seguita da Modena (14.078), Forlì-Cesena (13.030), Ravenna (11.329), Reggio Emilia (8.076), Piacenza (7.626), Ferrara (7.351), al penultimo posto Rimini con 7.194 kW, seguita solo dalla provincia di Parma (6.976). Posizioni che variano di poco rispetto alla precedente analisi diffusa dalla Ubisol, effettuata sulla base dei dati aggiornati a dicembre 2009. Grazie agli incrementi dei sei mesi tra dicembre 2009 e giugno 2010, si registra un solo sorpasso tra province: Reggio Emilia scavalca Piacenza e si porta al quinto posto.

Per quel che riguarda l’incremento di potenza, nei sei mesi presi a campione dalla Ubisol i dati evidenziano la decisa crescita del fotovoltaico in Emilia-Romagna: tra dicembre 2009 (precedente rivelazione) e giugno 2010 la potenza da fotovoltaico è aumentata del 41,5 per cento. Nel semestre considerato, infatti, in regione sono stati attivati impianti che sviluppano una potenza di 40.137 kW (arrivando a un totale di 103.468 kW).

Di seguito gli incrementi per provincia nei sei mesi considerati dall’analisi: Bologna ha accresciuto la potenza di 10.393 kW, Modena 4.856 kW, Forlì-Cesena 4.766 kW, Ravenna 4.579 kW, Parma 3.826 kW, Rimini 3.294 kW, Reggio Emilia 3.123 kW, Ferrara 2.788 kW e, infine, Piacenza 2.512 kW.

Un’altra significativa graduatoria stilata dalla Ubisol, è quella che riguarda la stima della ripartizione degli incentivi del secondo Conto Energia sul territorio regionale. Dove finiscono i soldi che il Gse distribuisce ai cittadini titolari degli impianti e quali province sono più brave ad accaparrarseli? In Emilia-Romagna giungono un totale di 30 milioni e 257mila euro di incentivi all’anno, che entrano direttamente nelle tasche dei cittadini che hanno attivato impianti fotovoltaici a partire dal 2007 (secondo Conto Energia). Nello specifico, queste le stime ricavate dai dati ufficiali Gse: 8 milioni e 413mila euro finiscono nelle tasche dei titolari degli impianti fotovoltaici attivati nella provincia di Bologna, 4 milioni 419mila euro a Modena, 3 milioni 505mila euro a Forlì-Cesena, 3 milioni 109mila euro a Ravenna, 2 milioni 506mila euro a Piacenza, 2milioni 437mila euro a Reggio Emilia, 2 milioni 291mila euro a Parma, 1 milione 691mila euro a Rimini e, infine, 1 milione 625mila euro a Ferrara.

Un altro calcolo effettuato dalla Ubisol è quello della potenza installata in rapporto al numero di abitanti delle diverse province. Al primo posto di questa graduatoria c’è il territorio di Forlì-Cesena, con 3,32 kW di fotovoltaico installati ogni 100 abitanti, Bologna è al secondo posto con 2,95 kW installati ogni 100 abitanti, al terzo posto Ravenna (2,91 kW ogni 100 abitanti), a seguire Piacenza (2,64 kW), Rimini è quinta (2,21 kW ogni 100 abitanti), seguita da Ferrara (2,05 kW), Modena (2,02 kW), Parma (1,59 kW) e, in ultimo, Reggio Emilia (1,53 kW).

(Fonte Riminimedia)