Differenziata – La Puglia migliora ma non… corre

148

I piccoli Comuni riescono a raggiungere percentuali ragguardevoli di rifiuti differenziati, mentre le grandi città e, a sorpresa, le città turistiche più in voga peccano da questo punto di vista

Le cifre della raccolta differenziata in Puglia raggiungono picchi considerevoli in alcune realtà, in altre invece pare sia un optional.

Le differenze tra le cittadine pugliesi sono considerevoli, difatti osservando i dati statistici relativi ai chilogrammi di rifiuti solidi urbani conferiti, divisi in indifferenziata e differenziata, si nota una sperequazione notevole.

Leggendo con attenzione i dati mensili pubblicati sul sito della Regione Puglia www.rifiutiebonifica.puglia.it, trasmessi da ogni Comune mensilmente (tranne alcune eccezioni), è possibile tracciare un quadro per niente scontato. Si ricava, infatti, uno spaccato variegato che non guarda alla provincia di appartenenza, ma piuttosto al numero di abitanti, infatti in un numero di casi considerevoli sono i piccoli Comuni che riescono a raggiungere percentuali ragguardevoli di rifiuti differenziati, mentre le grandi città e a sorpresa le città turistiche più in voga peccano da questo punto di vista (Ostuni 5,86%, dato di giugno 2010; Vieste 13,24%, dato di giugno 2010; Alberobello 8,37%, dato di giugno 2010).

Le cinque province pugliesi, scomposte in quindici Ato, raccontano, dunque, di esempi eccellenti e di cittadine in cui la raccolta differenziata pare sia un optional.

Delle tre Ato che compongono la provincia di Lecce, tenendo conto delle differenze di utenza, la più virtuosa è l’Ato LE/2, che con una percentuale dell’ultimo mese rilevato, luglio 2010, si attesta 28,45% di rifiuti differenziati (Rif. Diff.) contro un 16,23% dello scorso anno. Delle due Ato brindisine la BR/2 ha raggiunto una percentuale ragguardevole nel 2010, attestandosi al 55,29% di Rif. Diff. contro il 20,75% dello scorso anno.

Per quanto riguarda l’Ato TA/3, una delle due della provincia di Taranto, la percentuale di differenziata rasenta il 20%, attestandosi al 19,11% di quest’anno contro il 14,82% del 2009. La provincia di Bari, invece, con le sue quattro Ato propone dei dati interessanti, che rivelano, tranne nell’Ato BA/5, una sensibile riduzione della quantità di rifiuti differenziati rispetto al 2009. L’Ato BA/5 si attesta al 21,78% contro il 15,56% dello scorso anno. La provincia di Foggia, composta da quattro Ato, presenta lo stesso trend negativo della provincia barese: soltanto uno dei quattro ambiti di gestione, Ato FG/5 presenta una piccolissima variazione in positivo rispetto allo scorso anno, lasciando quasi invariata la percentuale del luglio 2009, attestatasi al 14,57%, rispetto a quella del luglio 2010 fermatasi al 14,59%.

Dunque, questi dati ci conducono a comprendere meglio le differenze che intercorrono tra le diverse province pugliesi per quel che riguarda la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani.

Inoltre, i dati statistici sono utili per capire che le peculiarità territoriali fanno la differenza, poiché, com’è intuibile, le piccole cittadine sono più efficacemente organizzate per la raccolta differenziata per diversi motivi: si può ipotizzare che nelle piccole realtà ci sia un controllo più rigoroso ed efficace o una maggiore compattezza della comunità, tale per cui la pratica di differenziare i rifiuti viene considerata utile all’insieme della comunità stessa e pertanto i cittadini sono maggiormente indotti a «fare» la differenziata.

Le cause, invece, che tengono le grandi città pugliesi ancorate a percentuali di raccolta differenziata ancora troppo bassa, seppur con notevoli balzi in avanti in alcuni casi (vedi Bari 18,44%, dato di marzo 2010; Lecce 15,93%, dato di aprile 2010; Brindisi 8,98%, dato di giugno 2010; Foggia 8,09%, dato di giugno 2010; della città di Taranto non ci sono dati aggiornati) sono da ricercarsi, forse, in un territorio troppo vasto da controllare, oltre che in una minore coesione sociale, caratteristica tipica delle piccole comunità.

È chiaro che ci sono eccezioni, difatti città come Bisceglie 20,53%, Molfetta 30,81%, Corato 21,68%,comprese nell’Ato BA/1, si attestano su percentuali interessanti.

Da questi dati emerge, dunque, che la politica regionale di incentivi, per quanto importante, non è determinante; invece lo sono le ordinanze amministrative di ogni Comune, che, a quanto pare, è l’ente territoriale che incide maggiormente sulle buone pratiche.