L’Italia contro la deforestazione

118

Con 100 milioni di dollari l’Italia mantiene le promesse contribuendo alla partnership internazionale contro la deforestazione nei Paesi in via di sviluppo

Con 100 milioni di dollari l’Italia mantiene le promesse contribuendo alla partnership internazionale contro la deforestazione nei Paesi in via di sviluppo. A latere della decima conferenza mondiale sulla Biodiversità, in questi giorni in corso a Nagoya, in Giappone è stato confermato, in sede di riunione ministeriale sul tema, dal ministro dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, Stefania Prestigiacomo, l’apporto dell’Italia alla «Partnership Redd+».

«Il governo italiano – ha dichiarato il ministro – dimostra così di voler contribuire concretamente all’immediata attuazione delle azioni ”fast-start” decise al vertice di Copenhagen contro i cambiamenti climatici».

Con questa partnership la comunità internazionale si propone, dunque, di proteggere le foreste ponendosi come priorità la lotta alla deforestazione, ritenuta la causa di circa il 20% delle emissioni mondiali di gas serra, responsabili del surriscaldamento del pianeta. Dall’istituzione della partnership internazionale (maggio 2010) ci sono stati diversi sviluppi, ad esempio, è stata riconosciuta finalmente l’importanza del coinvolgimento delle popolazioni indigene nella lotta contro la deforestazione, questione non da poco dato che dalle foreste essi traggono i mezzi di sussistenza.