Un «Click Day» per testare il Sistri

251

Scopo dell’iniziativa è quello di sperimentare la concreta praticabilità del sistema, stimolando, gli utilizzatori reali del complesso, ad avviare l’impiego dei dispositivi elettronici (usb, black box) verificandone lo stato di funzionamento e di reale efficienza

Dopo la pubblicazione in «Gazzetta Ufficiale» del decreto ministeriale, 18 febbraio 2011, n. 52, il tanto atteso Testo Unico Sistri che raccoglie in un unico provvedimento i cinque decreti del ministro dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare emanati nel breve arco di tempo di un anno e mezzo per attuare e disciplinare, mediante successive integrazioni e modifiche, il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (Sistri), Confindustria e Rete Imprese Italia invitano le aziende, che a breve si troveranno ad utilizzare il Sistri, a praticare un «Click Day» l’11 maggio 2011, data in cui, tra l’altro, entrerà in vigore il «T.U. Sistri».

Il decreto ministeriale ultimo emanato, infatti, conferma la piena operatività del sistema di tracciamento dei rifiuti per il 1° giugno 2011, data in cui cesserà la possibilità di operare sfruttando il doppio regime cartaceo e informatico, e verrà avviato l’utilizzo del solo Sistri e dei suoi obblighi, corredati dalle sanzioni introdotte dal D. Lgs. 152/2006 e s.m.i. e dal D. Lgs. 205/2010.

Lo scopo dell’iniziativa è proprio quello di sperimentare la concreta praticabilitàdel sistema, stimolando, gli utilizzatori reali del complesso, ad avviare l’impiego dei dispositivi elettronici (usb, black box) verificandone, pertanto, praticamente lo stato di funzionamento e di reale efficienza degli stessi, valutando lo stato generale d’avanzamento del progetto Sistri ed evidenziando le eventuali criticità per porvi urgente rimedio.

In effetti, quello dell’11 maggio sarà il secondo «Click Day» del Sistri, dato che una prima iniziativa del genere era stata già organizzata per lo scorso 25 marzo, utilizzando, come mezzo per diffondere l’appello ad aderire, i forum degli utenti/operatori del Sistri. Lo scopo era, anche in quella occasione, di far accedere quanti più operatori, in una sola giornata, al portale del nuovo, contestato, Sistema informatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti, al fine di testare la sua funzionalità simulando una normale giornata di lavoro. Gli utenti venivano così invitati, per esempio, a verificare il tempo impiegato per aprire la webmail Pec, per creare una scheda movimentazione completa, per effettuare una registrazione di carico. Molti sono stati anche quelli che hanno provato, in quella circostanza, ad aggiornare il software ma, nonostante l’adesione non sia stata massiccia, i tempi di risposta sono stati mediamente più lunghi del normale così come molti sono stati i blocchi registrati.

In pratica, col «Click Day» dell’11 maggio 2011 si invitano gli operatori che operano nella gestione dei rifiuti a compiere le ordinarie procedure realizzatesi, fino ad ora, compilando documentazioni cartacee e il tutto per mettere davvero alla prova il Sistri in un’ultima occasione per sperimentare, in forma cumulata, il funzionamento e la funzionalità dello stesso.

E allora tutti pronti l’11 maggio a dar senso a questo «Click Day» che rappresenta un modo per le imprese di capire come far funzionare correttamente, senza errori formali di procedura, il sistema che, fatto lavorare sotto sforzo per l’elevato numero di accessi, potrebbe mettere in luce, possibili, prevedibili, criticità.

E poi chissà se la messa operativa del Sistri verrà confermata dal 1° giugno 2011!