Sos dagli Awá, ritornano i taglialegna

139

La deforestazione illegale sta devastando le loro terre. Il procuratore dello stato del Maranhão ha ordinato un’indagine per individuare i responsabili dell’invasione delle terre e a chiedere la loro consegna alla giustizia. Tuttavia, si ritiene che i taglialegna illegali operativi nell’area siano ancora migliaia

La stagione più propizia per i taglialegna sta ormai per ricominciare e gli Awá hanno lanciato un appello disperato al governo brasiliano perché blocchi immediatamente la deforestazione illegale che sta devastando le loro terre.

Gli Awá, oggi noti come la tribù più minacciata del mondo, soffrono del più alto tasso di deforestazione di tutta l’Amazzonia e, negli ultimi anni, l’inizio della stagione secca ha sempre portato a una drastica impennata del taglio illegale degli alberi.

In un messaggio accorato, la tribù supplica il ministro della Giustizia brasiliano di «sfrattare immediatamente dalle nostre terre i taglialegna… prima che tornino e distruggano tutto».

La campagna lanciata da Survival International per salvare gli Awá ha già fatto pervenire al ministro della Giustizia brasiliano oltre 27.000 messaggi, in cui si chiede la rimozione di tutti gli invasori dalle terre indigene.

La campagna ha anche indotto il procuratore dello stato del Maranhão a ordinare un’indagine per individuare i responsabili dell’invasione delle terre Awá e a chiedere la loro consegna alla giustizia.

Tuttavia, si ritiene che i taglialegna illegali operativi nell’area siano ancora migliaia.

Da quando l’attore Colin Firth ha lanciato la campagna di Survival, sei settimane fa, il Cimi, un’organizzazione brasiliana per i diritti dei popoli indigeni, ha mostrato il filmato a diversi membri della tribù Awá.

«Molto bello, non-Indiani; quello che state facendo è molto importante ed è davvero un buon lavoro! Aiutateci più velocemente che potete. Mandate tantissimi messaggi [al Ministro]», ha commentato un uomo Awá.

«Gli Awá potranno anche contare solo 450 persone, ma in un attimo la loro storia ha fatto notizia in tutto il mondo – ha dichiarato Stephen Corry, direttore generale di Survival International -. Il governo del Brasile deve smettere di ignorare gli Awá e deve portare il loro caso in cima all’agenda delle sue priorità. L’inizio della stagione del taglio del legno è un momento molto critico. La pressione non deve fermarsi».

Survival chiede a tutti di sostenere gli Awá inviando un messaggio al Ministro della Giustizia del Brasile.

(Fonte Survival International)