Comunicare le geoscienze con Ingv

1417
ingv le stagioni

Tanti gli argomenti trattati nelle precedenti tavole, argomenti che dall’interno/esterno della terra hanno poi riguardato il sole, i fossili, il mare, il ciclo dell’acqua, il sistema solare, la rotazione della terra. Scaricare le schede, colorarle e studiare i concetti base di geoscienza, questa l’attività rivolta ai bambini della scuola primaria

È stata pubblicata la decima e ultima tavola del GeoAlbum, iniziativa dedicata ai bambini e ideata dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), dedicata al nostro pianeta e al suo moto di rivoluzione attorno al sole.

Rispondere a domande come: Cosa sono le stagioni astronomiche? Cos’è l’equinozio? Cos’è il solstizio? non sarà più così difficile…

A qualche giorno dalla serata svoltasi a Riomaggiore (Cinque Terre – SP) nell’ambito degli eventi «Aspettando la notte europea dei ricercatori» – Progetto NET, evento organizzato dal Gruppo astronomia digitale (Gad) in collaborazione con Ingv, arrivano altri spunti di riflessione per parlare di geoscienza in tutte le sue forme e a qualsiasi pubblico.

Tanti gli argomenti trattati nelle precedenti tavole, argomenti che dall’interno/esterno della terra hanno poi riguardato il sole, i fossili, il mare, il ciclo dell’acqua, il sistema solare, la rotazione della terra. Scaricare le schede, colorarle e studiare i concetti base di geoscienza, questa l’attività rivolta ai bambini della scuola primaria.

Una risorsa che garantisce anche strumenti per ragazzi, con le geopagine e le geotavole, e per i senior con la pubblicazione di fumetti e di roll-up dedicati a varie discipline legati alle geoscienze, e il tutto condito da giochi interattivi.

Uno strumento di conoscenza che educatori, genitori in primis, possono utilizzare con facilità per avvicinare i propri figli al magico mondo delle geoscienze stimolando fantasia, immaginazione, interesse per un argomento troppo spesso sottovalutato nell’insegnamento di routine e che di contro rappresenta la conoscenza base per poter affrontare temi complessi che attanagliano il nostro presente. Una formazione, un senso critico da sviluppare sin da piccoli anche in questo periodo di incertezza post Covid che non pochi dubbi lascia sulla gestione della didattica alla riapertura delle scuole ormai prossima.

Elsa Sciancalepore