Il cane guida dei non vedenti non paga l’albergo o i mezzi pubblici

153

Una legge del ’74 spesso disattesa crea non poche difficoltà

È tempo di vacanze e gli italiani si spostano per raggiungere luoghi più o meno vicini dove trascorrere giorni di riposo e svago. È quindi un diritto di tutti, indipendentemente dalla propria condizione fisica.
Ma poiché non tutti i proprietari di aziende ricettive hanno la stessa sensibilità, capita di sentire reazioni discutibili a seconda si tratti di persone portatori di handicap, di cittadini che hanno animali o di stranieri.
Non siamo però in un paese privo di leggi anche se spesso queste vengono ignorate. È il caso dei non vedenti che si fanno guidare da cani addestrati. Per questo la