Pistoia – Rapporto sullo stato dell’ambiente 2004

76

E’ un volume di 250 pagine suddivise in 6 capitoli (il rapporto uomo-ambiente, il Territorio ed i Determinati, le pressioni ambientali, lo stato dell’- ambiente, gli impatti ambientali, le risposte) dove si analizza, con metodiche scientifiche e con numerosi dati, grafici, numeri e disegni la situazione complessiva dell’ambiente sul territorio pistoiese

Si è tenuta nei giorni scorsi, presso la Sala Sinodale dell’Antico Palazzo dei Vescovi, la 2° Conferenza sullo stato dell’ambiente della provincia di Pistoia, nel corso della quale è stato presentato il Rapporto sullo Stato dell’Ambiente 2004 della Provincia di Pistoia. Presenti fra gli altri: Giovanni Romiti Vice presidente della Provincia di Pistoia, Claudio Coppi responsabile del dipartimento Arpa Toscana di Pistoia, Gianfranco Venturi presidente della Provincia di Pistoia, Serena Nesti e Cristina Pinazzi del dipartimento provinciale Arpa Toscana di Pistoia.
La conferenza è stata aperta da Giovanni Romiti che ha presentato il rapporto definendolo: «Uno sforzo rilevante di informazione oggettiva, indicatori elaborati e contestualizzati, strumento indispensabile di supporto alla programmazione e pianificazione generale al territorio. Uno strumento utile non solo per il livello istituzionale, ma per tutte le rappresentanze di interessi diffusi sul territorio. E’ il riferimento di base di ogni percorso di concentrazione per lo sviluppo sostenibile dello stesso territorio».
Il «Rapporto sullo stato dell’ambiente 2004 della Provincia di Pistoia» è un volume di 250 pagine suddivise in 6 capitoli (il rapporto uomo-ambiente, il Territorio ed i Determinati, le pressioni ambientali, lo stato dell’- ambiente, gli impatti ambientali, le risposte) dove si analizza, con metodiche scientifiche e con numerosi dati, grafici, numeri e disegni la situazione complessiva dell’ambiente sul territorio pistoiese. Tutti questi dati hanno come scopo, oltre quello di rendere immediatamente un immagine della situazione ambientale, di consentire una descrizione quantitativa oggettivamente misurabile nel tempo. Infatti questo 2° Rapporto è costituito in base agli indicatori elaborati e contestualizzati in modo da fornire uno strumento di supporto per la programmazione e la pianificazione non solo delle Amministrazione Provinciale, ma anche dei Comuni e di ogni altro soggetto che in qualche modo è coinvolto nelle politiche di sviluppo territoriale. Offre, pertanto, una solida base informativa comune a coloro che operano in campo ambientale e a coloro che sono attivi in campo socio – economico, perché prova a verificare come e dove si originano le principali criticità e quale sia la distanza fra le tendenze dello sviluppo dato rispetto a quello che potremmo considerare, in base agli obbiettivi stabiliti ( Protocollo di Kyoto), sostenibile. Per queste ragione il vice presidente Romiti ha concluso il convegno dichiarando: «Un lavoro importante che la Provincia mette a disposizione del sistema degli EE.LL. , delle Categorie Economiche, delle Rappresentanze Sociali, delle Associazioni Ambientalistiche, dei cittadini tutti anche per concertare la futura sostenibilità dello sviluppo del nostro territorio».

(Fonte Arpa Toscana)