Nucleare falsa soluzione

228

L’associazione ha manifestato a Roma, Venezia, Napoli, Milano, Firenze e Bari. Il nucleare è una strada sbagliata e pericolosa che non serve a combattere i cambiamenti climatici

Manifestazioni di Greenpeace contro il nucleare in alcune città italiane. Particolarmente spettacolari e intriganti quelle di Venezia e Roma.

Venezia. Venezia è sommersa dall’acqua alta, tre gommoni di Greenpeace hanno quindi potuto navigare la notte scorsa in Piazza San Marco.
Gli attivisti hanno aperto uno striscione con la scritta «Nucleare = falsa soluzione. Più efficienza e rinnovabili».
Secondo l’ultimo rapporto dell’Onu presentato lo scorso novembre a Marrakech, Venezia rischia di finire sott’acqua nei prossimi 60 anni a causa dei cambiamenti climatici. Servono subito rinnovabili ed efficienza, mentre il nucleare è una strada sbagliata e pericolosa che non serve a combattere i cambiamenti climatici.

«Il governo italiano vuole imporre il nucleare che è una pericolosa perdita di tempo e una falsa soluzione per i cambiamenti climatici – spiega Andrea Lepore, responsabile campagna nucleare di Greenpeace -. Il nucleare non salverà Venezia, anzi la condannerà e impedirà all’Italia di investire nelle vere soluzioni per i cambiamenti climatici: rinnovabili ed efficienza».

I piani nucleari del governo prevedono la creazione di almeno quattro centrali nucleari che costeranno all’Italia, soltanto per la costruzione, ognuna tra i 5 e i 6 miliardi di euro e che non saranno attive prima di dieci anni. Se l’Italia punterà sul nucleare non potrà rispettare gli obiettivi europei di riduzione delle emissioni al 2020 e sprecherà le risorse che avrebbe potuto invece investire in tecnologie pulite ed efficienza, vere soluzioni immediatamente disponibili.

Mentre il governo con la Legge 99/2009 bypassa le competenze delle regioni in materia energetica, alcuni candidati, tra cui Polverini, Zaia e Formigoni approvano i piani nazionali pro-nucleari del governo. Difficile pensare che poi si opporranno a una centrale nella propria regione nonostante ora a fini elettorali dichiarino di «non aver bisogno» del nucleare nelle regioni in cui si presentano.

«I candidati alle regionali devono dire un chiaro NO ai piani nucleari del governo. Dire che “il nucleare non serve” nelle proprie regioni ma poi appoggiare il nucleare a livello nazionale, significa prendere in giro i cittadini e preparare per loro la sorpresa di una centrale nucleare dopo le elezioni», conclude Lepore.

Intanto Greenpeace ha raccolto già quasi 49mila firme contro il nucleare sul sito www.nuclearlifestyle.it e oggi è presente in sei grandi città italiane (Roma, Venezia, Napoli, Milano, Firenze e Bari) con le cabine telefoniche della Nuclear Hotline: un numero verde gratuito 800 864.884, al quale i cittadini possono lasciare messaggi contro il nucleare, che Greenpeace consegnerà ai candidati alle prossime elezioni regionali del 28 e 29 marzo.

Roma. Nella mattina tanti curiosi e sostenitori a Roma sono entrati nelle cabine «Nuclear Hotline» di Greenpeace.

Hanno potuto chiamare il numero verde gratuito 800.864.884 e lasciare messaggi contro il nucleare, che Greenpeace consegnerà ai candidati alle prossime elezioni regionali del 28 e 29 marzo.

Divertenti, in stile inglese, le cabine sono il simbolo della voce dei cittadini verso i politici che vorrebbero mettere a tacere questo tema importante e rimandarlo a dopo le elezioni, per motivi di propaganda.

Fino alle elezioni sarà possibile continuare a chiamare gratuitamente (sia da fisso sia da cellulare) il numero 800.864.884 e lasciare il proprio messaggio.

(Fonte Greenpeace)