Cosmo, per studiare i cambiamenti climatici su scala regionale

75

È un modello numerico utilizzato da una vasta comunità di ricerca internazionale, il Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Cimatici ne fa parte e dà vita a un evento dall’alto profilo scientifico a Cava de’ Tirreni

Si chiama Cosmo Clm, è un modello numerico che consente di valutare le evoluzioni nel tempo e nello spazio di variabili atmosferiche come ad esempio temperature e precipitazioni e ottenere così scenari climatici con informazioni sull’andamento di tali variabili nel prossimo secolo e sulle anomalie prevedibili rispetto ai valori finora registrati.

È un modello che, grazie a una elevata definizione e alla capacità di dettaglio, consente quindi di simulare possibili cambiamenti climatici che nascono dall’influenza del sistema climatico su scala regionale e globale.

Un utilizzo efficiente di strumenti come Cosmo, che si prestano a continue evoluzioni per fornire risultati con sempre maggiore definizione su scala regionale, richiede un lavoro coordinato e condiviso da parte di un’ampia comunità scientifica.

La Clm Community è un vasto network di istituti di eccellenza nella ricerca delle scienze del clima i cui partecipanti sono impegnati, attraverso un accordo formale, ad utilizzare e sviluppare il modello Cosmo.

Dal 30 agosto al 2 settembre la Clm Community si incontra a Cava de’ Tirreni (Sa), in un evento organizzato dal Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici cui prendono parte circa 60 climatologi provenienti dai principali enti di ricerca europei sul clima (tra cui il German Meteorological Service, la Brandenburg University of Technology Cottbus e il Federal Institute of Technology di Zurigo).

Per la prima volta nella sua storia l’evento si svolgerà al di fuori della Germania, a testimonianza che la Clm Community è ormai una realtà mondiale e che l’Italia è pronta a giocare un ruolo rilevante. Ed è motivo di grande vanto e prestigio per la Città di Cava de’ Tirreni essere stata scelta, grazie soprattutto allo sforzo organizzativo dell’agenzia di comunicazione Mtn Company, come sede dell’appuntamento.

Per i partecipanti sarà un’occasione per discutere e condividere informazioni sui più recenti sviluppi del modello Cosmo, le applicazioni finora realizzate, i progetti in corso e le future evoluzioni.

L’evento offre l’occasione di avvicinarsi a questi temi anche per chi non è uno scienziato esperto dei complessi cambiamenti climatici ed è però interessato a conoscere questi argomenti.

La mattina del 30 agosto, infatti, è prevista una sessione divulgativa sulle scienze dei cambiamenti climatici dedicata agli studenti universitari.

Dalle 15 alle ore 16 di martedì 30 agosto, presso il Palazzo di Città di Cava de’ Tirreni, ha luogo un incontro con la stampa con la partecipazione del Sindaco di Cava de’ Tirreni Prof. Marco Galdi, di Andreas Will (Coordinatore della Clm Community), di Pasquale Schiano (Responsabile Divisione Impatti sul Suolo e sulle Coste del Cmcc e dirigente Cira), dei ricercatori del Cmcc Edoardo Bucchignani, Paola Mercogliano (Responsabile Attività Impatti sull’attività di monitoraggio del territorio e la prevenzione dei disastri idrogeologici del Cmcc), Marcello Vichi e Myriam Montesarchio e dell’Amministratore di Mtn Company (organizzazione locale dell’evento) Carmine D’Alessio.

Per ulteriori informazioni sul programma si rimanda ai siti web:

http://www.clmassembly.it oppure http://www.clmassembly.com

(Fonte Cmcc)