Perché questi misteriosi rifugi «anticatastrofi»?

120

Oltre che in Norvegia altri rifugi per migliaia di persone sono stati recentemente ultimati anche in Svezia, Russia, Israele e Usa. A questo punto viene legittimo chiedersi, ma che sta succedendo? Ci si nasconde qualcosa che solo i grandi della Terra debbono conoscere e qualche popolo selezionato, ma da cosa e per cosa?

A fine giugno di quest’anno Accademia Kronos ha inviato alcuni suoi esperti in Norvegia per indagare su alcuni fenomeni relativi ad improvvise morti di milioni di pesci e relativi spiaggiamenti di cetacei. A seguito dell’indagine ecologica, si è appreso della presenza di misteriosi rifugi o bunker antiatomici appena ultimati. Da lì l’inizio di una nuova indagine sui rifugi ridefiniti «anticatastrofi» realizzati per migliaia di persone in Norvegia. Gli intervistati norvegesi non hanno saputo dare una spiegazione esauriente ed altri hanno dimostrato una evidente omertà nel parlarne.

Incuriositi da «tanto mistero» si è cercato di allargare il raggio di ricerca su altre nazioni e si è scoperto che altri rifugi per migliaia di persone sono stati recentemente ultimati anche in Svezia, Russia, Israele e Usa. A questo punto viene legittimo chiedersi, ma che sta succedendo? Ci si nasconde qualcosa che solo i grandi della Terra debbono conoscere e qualche popolo selezionato, ma da cosa e per cosa?

Quello che lascia molto perplessi è il livello di segretezza, il silenzio su queste operazione anti qualcosa… Se fosse una normale operazione di sperimentazione per città sotterranee, per rifugi scientifici, per altre diavolerie moderne, la stampa mondiale ne parlerebbe liberamente come è stato quando si è «rintracciato» il famoso Bosone. È il silenzio, lo scoprire il tutto o quasi solo via internet o attraverso pubblicazioni di noti «catastrofisti» che ci lascia perplessi e ci procura anche un brivido di paura.

È certo, questa la conclusione dell’indagine di Accademia Kronos, che ci si nasconde qualcosa di molto grave che sta per accaderci e che solo pochi nel mondo conoscono e solo a pochi sarà data l’opportunità di proteggersi e salvarsi. Forse anche in Italia, da qualche parte, magari dentro il ventre di qualche montagna alpina si sarà costruito un bunker anticatastrofi e che ci andranno, guarda caso, a rifugiarsi i nostri politici, gli stessi che ci hanno portato in questa paurosa crisi economica.

Uomini questi che noi abbiamo votato per star meglio e non per farci del male. A questo punto, se veramente c’è qualcosa di catastrofico dietro l’angolo e che noi poveri e tartassati sudditi italiani dovremmo subire, la mia speranza è che da noi non si sia costruito alcun bunker così «morirà Sansone con tutti i filistei (politici, burocrati e mafiosi italiani)!».