Rinnovabili dovunque e comunque… c’è un giudice a Palermo

Tempo di lettura: 3 minuti

֎«La norma della Regione siciliana, pur così interpretata, afferma il Cgars, non manifesta, invero, alcun profilo d’incostituzionalità, in quanto non tracima le competenze legislative della Regione né si pone in contrasto con i principi fondamentali e le norme multilivello che disciplinano la materia»֎

La transizione ecologica passa da terre rare e riciclo

Tempo di lettura: 4 minuti ֎Entro il 2030, almeno il quindici per cento del consumo annuale di metalli critici a livello comunitario dovrà provenire da attività di recupero effettuate da impianti dentro il territorio dell’Unione. […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.

Migrazioni, serve più concretezza

Tempo di lettura: 8 minuti ֎Nessuno ha la soluzione in tasca ma, insieme, occorre affrontare in maniera concreta il tema migratorio, così intensamente all’ordine del giorno in questo periodo, non soltanto in Europa o nei […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.

Cosa conosciamo dell’Africa?

Tempo di lettura: 10 minuti ֎Un territorio vastissimo, stati in crescita e altri in povertà ma certamente le mire di gestirne le immense ricchezze con l'offerta di armi e corruzione non aiutano né l'Africa né […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.

Modificare la Costituzione per… sport

Tempo di lettura: 2 minuti

La nostra carta costituzionale ha un’impalcatura quasi perfetta e nulla è stato fatto per caso o per interessi come al contrario è stato fatto in alcuni interventi che hanno creato più confusione che adeguamenti. Vedi il pasticcio della tutela ambientale. Ma le paure e i pruriti non finiscono mai

Immigrati, ovvero fuga dalle responsabilità

0
Tempo di lettura: 3 minuti

Sappiamo benissimo, da più di 31 anni, quali sono le cause, i problemi e le conseguenze. Quello che sta accadendo è stato già descritto e previsto, il motivo per cui non si è passati ai fatti è sempre lo stesso: l’egoismo. L’egoismo del proprio interesse economico, l’egoismo del potere politico di fronte ad un problema che se avviato a soluzione oggi troverà fra 10-20 anni la svolta positiva, quando lui non potrà più essere eletto o avere premi e riconoscimenti

Ecco perché non basta dividere crescita e sviluppo ambientale

Tempo di lettura: 14 minuti Per azzerare le emissioni entro il 2050, secondo l’accordo di Parigi e la ripartizione delle riduzioni a livello europeo, l’Italia dovrebbe ridurre le proprie emissioni di gas climalteranti in media […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.

Destra e sinistra uniti contro l’ambiente?

Tempo di lettura: 2 minuti

֎La Regione Emilia-Romagna è in subbuglio per una deliberazione della Giunta regionale guidata da Bonaccini che ha fatto fuori l’Agenzia regionale per la protezione ambientale (Arpae) dall’espressione obbligatoria di parere tecnico in sede di Valutazione ambientale strategica (Vas) degli strumenti urbanistici comunali e loro varianti. Similitudini con la Puglia֎

Il Pnrr azzoppato: danni all’ambiente e ai Comuni

Tempo di lettura: 6 minuti E i poveri saranno più poveri ֎L’ufficio studi di Camera e Senato ha smentito il governo sui tagli al Pnrr. Ha certificato infatti che i progetti stralciati dal governo e […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.

Un patto per il clima, ci pensa anche la Puglia

Tempo di lettura: 2 minuti Una consultazione pubblica per promuovere il confronto con Agenzie, Enti di ricerca ed Enti regionali e locali per la validazione delle opzioni e delle priorità al fine di ampliare la […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.

Eolico in Puglia, c’è un argine al dilagare degli impianti

Tempo di lettura: 4 minuti

֎Netta la sentenza del Consiglio di Stato. La spiegazione coinvolge anche le disposizioni del Piano paesaggistico territoriale pugliese. Il paesaggio prevale sempre. Vedremo se la Regione Puglia terrà presente che la Puglia risulta essere la regione italiana con la maggiore potenza eolica installata, con una produzione pari al 25,8%, di cui il 20,8% nella sola provincia di Foggia, della potenza eolica nazionale, con conseguente forte impatto sul paesaggio regionale dato dalla rilevantissima concentrazione di impianti»֎

Incendi, la prevenzione va considerata per tempo

Tempo di lettura: 4 minuti

Il taglio come prevenzione? ma prima occorre una Via specialmente se si tratta di aree protette. Cosa prevedono le leggi europee

Veneto, Piano faunistico da rifare

Tempo di lettura: 2 minuti

֎Infatti, in seguito ad un ricorso al Tar non può essere approvato con legge regionale. Secondo la Corte costituzionale avrebbe dovuto essere approvato con deliberazione amministrativa֎

Contro la strage di ulivi cittadini al Tar contro la Regione

Tempo di lettura: 4 minuti

Domani la decisione del Tar di Bari

Dai documenti ufficiali della Regione Puglia risulta che da giugno 2022 a giugno 2023 sono stati distrutti 4.522 olivi (in maggioranza plurisecolari) di cui solo 316 positivi. Cioè 4.206 olivi sono stati abbattuti nonostante l’assenza del batterio e malgrado la recente disposizione dell’Osservatorio Fitosanitario della Regione Puglia che stabilisce che gli olivi monumentali ricadenti nell’area di 50 metri intorno alle piante infette, prima di essere toccati, devono essere segnalati alla «Commissione tecnica alberi monumentali»

Puglia, il nodo gordiano del piano casa

Tempo di lettura: 3 minuti

֎Se a Bari gli uffici comunali stanno verificando i permessi di costruire rilasciati dopo il 31 dicembre 2021 per decretarne o meno la validità alla luce dell’ultima sentenza della Corte costituzionale di febbraio scorso, sembra che nel Salento i dirigenti di molti Comuni si siano irrigiditi ricorrendo anche ad annullamenti in autotutela dei permessi già rilasciati nel 2022֎

Stiamo rinunciando allo «smart working»

Tempo di lettura: 11 minuti Il Paese rischia di sprecare una grande opportunità di modernizzare il proprio sistema produttivo. Il lavoro da remoto è un grande tema di innovazione e produttività ma è già scomparso. […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.

Un bene privato non elimina la tutela dell’interesse collettivo

Tempo di lettura: 3 minuti

Un Giudice più di cento anni fa, aveva già riconosciuto il diritto d’uso pubblico di un bene privato, con la facoltà per la collettività di accedere sul fondo altrui (jus deambulanti). Un diritto riaffermato dalla Corte Costituzionale

Rinnovabili, il nodo Brindisi

Tempo di lettura: 5 minuti

֎Un parco eolico nella bufera. Ping pong di ricorsi e stop da parte di Consiglio di Stato, Consiglio dei ministri, comune di Brindisi, Tar e inadeguatezza del Pptr֎

Aree protette, la tutela non è per sempre

Tempo di lettura: 3 minuti

֎Una legge della regione Liguria ha dato adito ad una puntualizzazione importante. Infatti la Corte Costituzionale ha respinto la tesi dell’esistenza di «un presunto principio generale di “irrevocabilità” dei vincoli di tutela paesaggistica»֎

Riassetto urbano e Via, perché Bari fa eccezione?

Tempo di lettura: 3 minuti

֎Il caso austriaco richiama la decisione barese di escludere dalla Via l’area destinata alla realizzazione del nuovo Palazzo di Giustizia (o Polo giudiziario)֎