Il Manifesto di Termoli sulle trivelle a mare

Tempo di lettura: 2 minuti

Berlinguer: finalmente le Regioni unite attorno ad un documento propositivo. Prima di ogni azione conoscere il Piano energetico nazionale. La Puglia approva, all’unanimità, la richiesta di referendum sulle trivellazioni petrolifere, relativi all’abrogazione di parte dell’art.35 del Decreto Sviluppo 2012 e dell’art.38 dello Sblocca Italia

Parco Gargano, per le nomine ancora pasticci

Tempo di lettura: 5 minuti

Dichiarazione dei membri del Consiglio Direttivo dell’Ente Parco nazionale del Gargano on. Marco Lion (Rappresentate Associazioni ambientaliste), prof. Massimo Monteleone (Rappresentante ministero dell’Ambiente), dott. Francesco Riga (Rappresentante Ispra) che annunciano che «verrà presentata una richiesta di annullamento della delibera»

Cop27, accordo per «perdite e danni»

0
Tempo di lettura: 3 minuti

E compare per la prima volta la parola «rinnovabili». Greenpeace: «il finanziamento di perdite e danni è un passo avanti verso la giustizia climatica, ma le lobby hanno boicottato l’eliminazione dei combustibili fossili»

Crisi ecologica e giochi di potere

Tempo di lettura: 10 minuti L’Italia in mezzo al guado ֎Il distacco fra il Paese reale e la politica sembra aumentare sempre di più, come se la gran parte degli italiani vivesse una vita completamente […]

Non puoi leggere tutto l'articolo perché non sei un utente registrato!

Registrati oppure esegui il login.

Perché l’accordo di Glasgow sulla deforestazione è un «bla, bla, bla»

Tempo di lettura: 8 minuti

Le contraddizioni di quello che è stato definito un patto epocale per le foreste

Non è per ragioni climatiche che non dobbiamo danneggiare, eliminare o disturbare le foreste. Non dobbiamo farlo perché la biodiversità di una foresta non gestita dall’uomo è di gran lunga superiore a quella di qualunque sistema maneggiato a discrezione umana. E maggior biodiversità riusciamo a proteggere, maggior complessità, resistenza, resilienza, biomassa e, per ultimo, servizi ecosistemici per l’uomo riusciamo a garantire

Contro la strage di ulivi cittadini al Tar contro la Regione

Tempo di lettura: 4 minuti

Domani la decisione del Tar di Bari

Dai documenti ufficiali della Regione Puglia risulta che da giugno 2022 a giugno 2023 sono stati distrutti 4.522 olivi (in maggioranza plurisecolari) di cui solo 316 positivi. Cioè 4.206 olivi sono stati abbattuti nonostante l’assenza del batterio e malgrado la recente disposizione dell’Osservatorio Fitosanitario della Regione Puglia che stabilisce che gli olivi monumentali ricadenti nell’area di 50 metri intorno alle piante infette, prima di essere toccati, devono essere segnalati alla «Commissione tecnica alberi monumentali»

In Puglia troppo consumo di suolo

Tempo di lettura: 3 minuti

֎Ora si punta ad impianti su coperture esistenti. Come peraltro previsto dal Pnrr, nella Misura dedicata allo sviluppo di energie rinnovabili, la prioritaria installazione di fotovoltaico sulle coperture. Resta da capire se i Piani energetici regionali coglieranno al volo questi dati e queste soluzioni tecniche per puntare sul minore consumo di suolo֎

Riduzione, riutilizzo, riciclaggio dei rifiuti… ce lo impone l’Europa

Tempo di lettura: 3 minuti

«Rifiuti zero è un obiettivo sia pragmatico sia visionario, per guidare le persone a emulare cicli naturali sostenibili, in cui tutti i materiali scartati sono risorse per gli altri consumatori. Zero Waste significa progettare e gestire prodotti e processi per ridurre il volume e la tossicità dei rifiuti e dei materiali, conservare e recuperare tutte le risorse e non bruciare o seppellirle. L’attuazione di rifiuti zero eliminerà tutte le emissioni in terra, acqua o aria che possono costituire una minaccia per la salute planetaria, umana, animale o vegetale»

Xylella, ed ora basta con le eradicazioni

0
Tempo di lettura: 3 minuti

La scienza ha dimostrato l’inutilità degli interventi

Intervista a Marco Scortichini

֎Gli studi gettano nuova luce sulle cause del disseccamento degli ulivi. È plausibile pensare che un complesso di fattori che interagiscono tra di loro siano alla base della malattia. Tali fattori sono di natura biotica (batteri, funghi) e abiotica (stress termici, fertilità del suolo, tecniche agronomiche). Ne consegue che anche la gestione agronomica degli oliveti vada rivista e aggiornata sulla base di queste nuove situazioni֎

Cosa è sostenibile e cosa non lo è

Tempo di lettura: 2 minuti

֎Aperta la consultazione pubblica sul documento tecnico «La sfida ambientale per la finanza sostenibile. Metodologie, informazioni e indicatori ambientali». L’impegno Ispra֎

Senza decarbonizzare temperature ancora su

Tempo di lettura: 3 minuti

«Si tratta di un Accordo quadro che fissa gli obiettivi di massima di lungo periodo sulla mitigazione, l’adattamento, il finanziamento, il trasferimento delle tecnologie e lascia alle future decisioni della Cop, a partire dalla Cop22 di Marrakesh dell’anno prossimo, il compito della sua attuazione ovvero di tracciare la strada per una completa decarbonizzazione entro la fine del secolo. L’efficacia dell’Accordo si potrà valutare soltanto a seguito delle decisioni future di implementazione»

Dalla Russia legno illegale

Tempo di lettura: < 1 minuto

La «Lumber Liquidators» era già stata oggetto di diversi casi legali, a causa delle alte emissioni di formaldeide nei laminati provenienti dalla Cina. L’impresa aveva quindi annunciato di aver sospeso l’approvvigionamento di pavimenti in laminato dalla Cina e di commercializzare solo prodotti europei e nordamericani, sostenendo di aver perduto 10 milioni di dollari a causa del dipartimento di giustizia statunitense

Un bene privato non elimina la tutela dell’interesse collettivo

Tempo di lettura: 3 minuti

Un Giudice più di cento anni fa, aveva già riconosciuto il diritto d’uso pubblico di un bene privato, con la facoltà per la collettività di accedere sul fondo altrui (jus deambulanti). Un diritto riaffermato dalla Corte Costituzionale

Puglia, verso emergenza rifiuti con soluzioni vecchie

Tempo di lettura: 2 minuti

Zero Waste Puglia è a favore degli impianti, auspica fortemente la realizzazione di impianti pubblici di riciclo della plastica, della carta/cartone, del vetro, di trattamento del fanghi da depurazione, delle fabbriche dei materiali e, ovviamente, di compostaggio

5. Transizione o transazione? Sos Parco delle foreste casentinesi

Tempo di lettura: 4 minuti

Il progetto in essere è quello della costruzione di 8 pale eoliche, alte come un palazzo di 50 piani. Ma vediamo nel dettaglio cosa ha di eolico e green questo progetto, riprendendo l’interrogazione presentata in Aula lo scorso 24 aprile dalla consigliera Gibertoni

Mano pesante dell’Ue sulle sementi

Tempo di lettura: 2 minuti

L’eurodeputato Andrea Zanoni critica la proposta della Commissione europea Plant reproductive Material law sulle sementi e presenta una pioggia di emendamenti al Parlamento europeo. «Va bene rendere la filiera di settore più sicura ma non si possono sacrificare i coltivatori biologici, i giardinieri domestici e i produttori su piccola scala»

Caccia, stop anticipato

Tempo di lettura: < 1 minuto

Chiudere per la caccia a Cesena, Tordo bottaccio e Beccaccia, che sono in fase di migrazione per il ritorno ai luoghi di nidificazione. Il provvedimento interessa Liguria, Toscana, Umbria, Friuli-Venezia Giulia, Veneto e Marche. Enpa: bene Governo e ministro dell’Ambiente sullo stop anticipato per scongiurare procedura d’infrazione Ue

In Europa meno rifiuti in discarica

Tempo di lettura: 2 minuti

Nel complesso, si registra il 29% di esso riciclato, il 28% gestito in discarica, il 26% incenerito e il 17% compostato. Il riciclaggio e il compostaggio insieme hanno rappresentato il trattamento utilizzato per oltre due terzi dei rifiuti in Germania (68%), e per più di metà in Austria e Slovenia (entrambi 58%), in Belgio (55%) e nei Paesi Bassi (52%)

Rialzo delle bollette e stop del carbone in Usa…

Tempo di lettura: 4 minuti

Cresce il differenziale del prezzo all’ingrosso dell’energia elettrica in Italia rispetto ai principali Paesi europei e cresce anche la domanda nazionale di gas… Si sta facendo quindi ancora troppo poco per garantire una diminuzione dei consumi, un’ottimizzazione delle procedure, un contenimento dei costi, uno sfruttamento di energie alternative, eolico e fotovoltaico in primis, e questo a discapito di quelle fonti fossili, inquinanti e derivanti da altri paesi dai quali di fatto l’Italia ancora dipende

Fare e disfare la realtà: votiamo per il pianeta

Tempo di lettura: 5 minuti

֎Una maggioranza europea di destra potrebbe compromettere gli sforzi fatti finora per allineare le politiche di Bruxelles alle esigenze del Pianeta. Ci riferiamo al Green deal, il pacchetto di norme climatiche più importante di sempre, depotenziato dai populisti di destra ma ancora salvabile (e migliorabile)֎