Clima – Caldo a giugno, secondo record dal 1880

348

E nell’emisfero nord ha raggiunto nelle aree continentali il record assoluto di caldo dal 1880 (specialmente in Europa ed in Siberia)

Il mese di giugno 2006 è stato, a livello globale, il secondo mese di giugno più caldo a partire dal 1880 e nell’emisfero nord ha raggiunto nelle aree continentali il record assoluto di caldo dal 1880 (specialmente in Europa ed in Siberia).
Alla fine di giugno il Mediterraneo ha raggiunto temperature molto alte (fino a 3°C sopra la media).
Mentre l’anomalia registrata per le temperature al suolo nell’emisfero Nord è stata in assoluto la più alta fino ad oggi registrata.
Queste sono le informazioni a riguardo fornite dal Noaa, l’Amministrazione americana che si occupa del monitoraggio delle temperature.

/> Basandosi sui dati preliminari, la media combinata della temperature del suolo e delle acque si è posizionata al secondo posto tra le più calde per il mese di Giugno 2006.
Le temperature di Giugno erano sopra la media per l’Europa, il Canada, il Medio Oriente e la maggior parte degli Stati Uniti. Condizioni più basse della media sono state riscontrate sulla costa Ovest dell’Alaska e sulle coste del Brasile.
Le piogge durante Giugno erano sopra la media nel Nordest degli Stati Uniti, in Cile, in Indonesia ed a Taiwan, mentre condizioni più secche della media sono state registrate nelle pianure meridionali degli Stati Uniti, gran parte del bacino dell’Amazzonia e nell’Australia dell’Ovest.

Lo studio presentato riporta le anomalie che sono state registrate durante il mese di Giugno, in particolare, e le confronta con le serie storiche raccolte a partire dal 1961 fino al 1990. I dati presentati sono preliminari: posizionamenti ed anomalie possono cambiare nel momento in cui dati più completi verranno ricevuti ed elaborati. I dati relativi alle temperature sono stati analizzati seguendo tre metodologie: anomalie per la temperatura del suolo, anomalie per la temperatura dei mari, anomalie per le temperature combinate di suolo e mari.

Temperature

Durante il mese di Giugno le temperature si sono posizionate sopra la media in Cile, Europa, Scandinavia, Medio Oriente, Russia e la maggior parte del Nord America. Temperature più basse della media sono state osservate nella parte occidentale delle coste dell’Alaska, nella Corea del Nord, nel Pakistan e sulle coste del Brasile.
Tra Gennaio e Giugno 2006, ci sono state temperature sopra la media nella maggior parte del Nord America, in Cina, nella parte più esterna dell’Europa orientale ed in zone della Russia.
Negli stessi mesi sopra citati, temperature più alte della media sono state registrate nel Pacifico meridionale e nell’Atlantico settentrionale, mentre temperature al di sotto della media sono state registrate nella regione 3.4 del Niño e sulle coste dell’Australia occidentale. Le temperature più basse della media, nel mese di Giugno, sono state registrate nel Pacifico settentrionale e nell’Atlantico meridionale.

Le tabelle mostrano il posizionamento delle temperature, suddivise su base geografica, secondo le tre metodologie di analisi (temp. del suolo, temp. dei mari, temp. suolo e mari combinata). È da rilevare che a livello Globale in Giugno sono state registrate le seconde temperature più alte mai registrate sia per quelle relative esclusivamente


Atlantico centrale e Romania.
Precipitazioni sotto la media sono state registrate in tutto il bacino dell’Amazzonia, in Europa, per la maggior parte dell’India, le Grandi Pianure degli Stati Uniti e l’Australia occidentale.

Troposfera e Stratosfera

Le registrazioni dei cambiamenti della temperatura per la Troposfera e Stratosfera vengono effettuate da diversi centri [si rimanda all’articolo originale per un elenco dettagliato ed i collegamenti web relativi]. Le misurazioni sono miste per loro natura, includendo gli strati medi della troposfera e quelli bassi della stratosfera. Tra le rilevazioni effettuate non si nota nulla di eccessivamente anomalo, comunque si posizionano tutte tra le 10 più alte posizioni al di sopra ed al di sotto della media.

(Info www.ncdc.noaa.gov/oa/climate/research/2006/jun/global.html)