La migliore casa ecologica? Quella necessaria

163

Realizzare edifici ad elevata qualità ambientale e quindi a basso impatto e con consumi energetici ridotti al minimo. Questo è uno strumento fondamentale per ridurre le emissioni di CO2, tra i principali responsabili del riscaldamento globale

Il primo requisito di un edificio ecologico? «Che sia indispensabile». Inizia così il decalogo del Wwf per distinguere l’architettura davvero sostenibile da quella che si attribuisce il titolo di «verde» solo per moda o interessi di mercato, ma che spesso di «verde» ha soltanto la facciata. Un edificio ecologico, invece, deve essere anche efficiente dal punto di vista energetico, pensato specificamente per il luogo in cui sorge, costruito con materiali appropriati e finalizzato al benessere della comunità.

Non lascia spazio all’approssimazione il decalogo che il Wwf ha presentato in occasione della giornata «Costruire per il clima», organizzata a Roma come tappa di avvicinamento alla fatidica Conferenza sul Clima di Copenhagen di dicembre, in cui il mondo dovrà decidere come affrontare la grande sfida del cambiamento climatico.

La realizzazione di edifici ad elevata qualità ambientale, quindi a basso impatto e con consumi energetici ridotti al minimo, è uno strumento fondamentale per ridurre le emissioni di CO2, tra i principali responsabili del riscaldamento globale.

Come? «Innanzitutto cambiando le esigenze a monte, tramite una riduzione della domanda di costruito e un aumento della sua qualità ambientale – sottolinea il Wwf -. E poi tramite la diffusione di pratiche, materiali e tecnologie appropriate, gestibili direttamente dalle comunità locali».

Ecco quindi i dieci requisiti che un edificio davvero ecologico deve avere, per non confondersi con la schiera di progetti verdi, ecologici, sostenibili più o meno sinceri, di cui l’architettura moderna spesso si fregia: «1) la sua costruzione sia indispensabile, 2) sia adeguatamente localizzato, 3) sia specifico per una località, 4) recuperi o riqualifichi l’esistente, 5) riduca al minimo le dimensioni, 6) usi materiali a basso impiego di energia, salubri e a basso impatto, 7) riduca il bisogno di energia, 8) dia un ruolo attivo nella progettazione agli abitanti, 9) esprima la capacità sociale del costruire, 10) sia finalizzato al benessere della comunità».

«L’architettura sostenibile è uno degli strumenti più concreti e immediati di cui disponiamo per diminuire l’impatto delle nostre società sul pianeta e affrontare la sfida dei cambiamenti climatici già in atto – ha detto Fulco Pratesi, presidente onorario del Wwf Italia -. In questo anno cruciale per il clima e il territorio, con la Conferenza di Copenhagen da un lato e una foga costruttiva sempre crescente dall’altro, è fondamentale che la reale sostenibilità diventi un parametro di prassi in ogni aspetto dell’architettura, dalla riqualificazione dell’esistente alla realizzazione di nuove opere».