La deforestazione globale sta frenando

125

La perdita netta annuale di foreste nel decennio 2000-2010 è pari a un’area delle dimensioni del Costa Rica

Il nuovo rapporto della Fao, il «Global forest resources assessment 2010», che ogni 5 anni valuta le risorse forestali mondiali è stato reso noto in questi giorni. Mette in evidenza che «la deforestazione mondiale, soprattutto la conversione di foreste tropicali a favore dei terreni agricoli, è diminuito nel corso degli ultimi 10 anni, ma continua ad un ritmo allarmante in molti Paesi». Più di 900 specialisti provenienti da 178 Paesi sono stati coinvolti in questa valutazione. La relazione completa sarà rilasciata in ottobre.

Secondo i principali risultati della revisione della Fao sulle foreste, che copre ben 233 paesi e aree a livello globale, ogni anno tra il 2000 e il 2010 circa 13 milioni di ettari di foreste sono stati convertiti ad altri usi o perse a causa di eventi naturali, rispetto ai circa 16 milioni di ettari all’anno nel corso del 1990.

Il Brasile e l’Indonesia, che avevano la perdita più alta di foreste nel 1990, hanno notevolmente ridotto il loro tasso di deforestazione. Inoltre, ambiziosi programmi di riforestazione in paesi come Cina, India, Stati Uniti e Vietnam, in combinazione con l’espansione naturale delle foreste in alcune regioni, hanno aggiunto più di 7 milioni di ettari di nuove foreste all’anno. Così facendo la perdita netta di superficie forestale è stata ridotta a 5,2 milioni di ettari all’anno tra il 2000 e il 2010, in calo da 8,3 milioni di ettari all’anno nel 1990. L’area forestale mondiale totale è di poco più di 4 miliardi di ettari, ovvero il 31% della superficie totale. La perdita netta annuale di foreste (quando la somma di tutti i benefici in termini di superficie forestale è inferiore a tutte le perdite) nel 2000-2010 è pari a un’area delle dimensioni della Costa Rica.

Nel decennio 2000-2010 le maggiori perdite annue nette di foreste si sono verificate in Sud America con 4 milioni di ettari e in Africa con 3,4 milioni. Anche l’Oceania ha registrato una perdita netta, dovuta in parte alla grave siccità in Australia dal 2000. L’Asia, d’altra parte, ha registrato un guadagno netto di circa 2,2 milioni di ettari l’anno nell’ultimo decennio, soprattutto per i grandi programmi di rimboschimento fatti in Cina, India e Vietnam, che hanno ampliato la loro superficie boschiva per un totale di quasi 4 milioni di ettari l’anno negli ultimi 5 anni. Tuttavia, la conversione delle terre boschive ad altri usi è proseguita a ritmi elevati in molti Paesi.

Nel Nord e Centro America, la superficie forestale è rimasta abbastanza stabile, mentre in Europa ha continuato ad espandersi, sebbene ad un ritmo più lento rispetto al passato. «Per la prima volta, siamo in grado di dimostrare che il tasso di deforestazione è diminuito a livello mondiale per le giuste iniziative adottate sia a livello locale sia internazionale», ha detto Eduardo Rojas, Vice direttore generale del Dipartimento forestale della Fao. E ha aggiunto che «non solo i singoli Paesi hanno migliorato le politiche in campo forestale, ma hanno anche assegnato le foreste alle comunità locali per un loro utilizzo e alle popolazioni indigene per la conservazione della diversità biologica e delle altre funzioni ambientali.

Questo è un messaggio molto positivo per il 2010, «Anno internazionale della biodiversità». Tuttavia, il tasso di deforestazione è ancora molto elevato in molti Paesi e la zona di foresta primaria, quella ancora non intaccata dalle attività umane, continua a diminuire, per cui i Paesi devono rafforzare ulteriormente i loro sforzi per meglio conservare e gestire le foreste».

Il Coordinatore della redazione del rapporto Fao, Løyche Mette Wilkie, ha detto che «un tasso minore di deforestazione e la creazione di nuove foreste hanno contribuito a ridurre il livello elevato di emissioni di carbonio dalle foreste, ma bisogna guardare avanti, perché il programma di rimboschimento della Cina, dell’India e del Vietnam, responsabili del recente incremento di superficie forestale, terminerà entro il 2020. E questo significa che bisogna sfruttare questa opportunità per prendere misure efficaci e permanenti volte a ridurre significativamente gli attuali tassi di deforestazione e il degrado stesso delle foreste. Senza questi interventi si rischia un ritorno improvviso agli elevati tassi di perdita netta di foreste e di emissioni di carbonio da foreste, che si sono avute nel 1990».

I numeri della relazione Fao

– Il Brasile ha perso una media di 2,6 milioni di ettari di foresta all’anno negli ultimi 10 anni rispetto ai 2,9 milioni di ettari all’anno nel 1990, mentre le cifre in Indonesia sono state, rispettivamente, 0,5 e 1,9 milioni di ettari all’anno.

– Le foreste primarie rappresentano il 36% della superficie forestale totale, ma sono diminuite di oltre il 40 milioni di ettari dal 2000. Ciò è dovuto in gran parte alla riqualificazione delle foreste primarie, ad «altre foreste naturalmente rigenerate» a causa del disboscamento selettivo o di altri interventi umani.

– L’area forestale dei Parchi nazionali, delle Aree naturali e delle altre aree protette legalmente è aumentata di oltre 94 milioni di ettari dal 1990 ed è pari oggi al 13% della superficie forestale totale.

– Le foreste sono i serbatoi di carbonio più grandi del mondo. Sono accumulati circa 289 gigatonnellate (Gt) di carbonio negli alberi e nella vegetazione. Il carbonio immagazzinato nella biomassa forestale (dal legno morto, dalla lettiera e dal suolo) è più di tutto il carbonio presente nell’atmosfera. A livello globale, la quantità di carbonio nella biomassa forestale è diminuita di circa 0,5 Gt all’anno nel periodo 2000-2010, dovuto principalmente ad una riduzione della superficie forestale totale.

– Incendi, parassiti e le malattie stanno causando maggiori danni alle foreste in alcuni paesi. In media, l’1% di tutte le foreste ogni anno sono interessate da incendi boschivi. Focolai di insetti causano danni forestali a circa 35 milioni di ettari di foresta all’anno. Eventi climatici estremi come le tempeste, le bufere e i terremoti hanno influito pesantemente negli ultimi dieci anni.

– 76 paesi hanno rilasciato o aggiornato le loro politiche forestali dal 2000 e 69 paesi, principalmente in Europa e in Africa, hanno approvato o modificato le loro leggi forestali dal 2005.

– La raccolta dei dati per il «Global forest resources assessment» sta diventando sempre più completo e preciso. Nuovi dati e informazioni aggiuntive sul rimboschimento e sulla naturale espansione delle foreste negli ultimi 20 anni ha permesso di stimare il tasso di deforestazione e la perdita per cause naturali in modo più accurato. La nuova stima globale per il 1990-2000 (vicino a 16 milioni di ettari all’anno) è superiore a quanto stimato in precedenza (13 milioni di ettari), in quanto include ora anche la deforestazione nei paesi che hanno avuto un guadagno netto complessivo della superficie forestale.

– Un monitoraggio, guidato dalla Fao, di circa 13.500 siti forestali di campionamento effettuato con il telerilevamento in un periodo di 15 anni, forniranno dati molto accurati sui tassi globali e regionali della deforestazione entro la fine del 2011.